L'Inter non vuole più fermarsi

Terza vittoria consecutiva per i nerazzurri che, in attesa dello "spareggio" Champions di mercoledì a San Siro contro lo Shakhtar Donetsk, hanno battuto anche il Bologna confermandosi al secondo posto in classifica. Super Hakimi e Lukaku, ma anche il resto della squadra ora funziona.
Hakimi© Inter via Getty Images
Andrea Ramazzotti
TagsInterConteLukaku

MILANO - Tre vittorie nelle ultime tre partite (contro Sassuolo, Borussia Mönchengladbach e Bologna), ma anche tre successi nelle ultime tre gare di campionato (contro Torino, Sassuolo e Bologna). La stagione dell'Inter forse è arrivata a una svolta. Dopo incertezze (soprattutto in Europa), risultati alterni e tanti gol subiti, Conte sta trovando la squadra che da tempo aveva in mente, una formazione che segna molto (ha il miglior attacco della A), ma che è pure più equilibrata rispetto a qualche settimana fa perché ha cambiato modo di giocare e si sforza di concedere meno spazi agli avversari a costo di pressare un po' più "bassa". E' però innegabile che una mano la stiano dando anche i singoli, dall'incredibile Lukaku già a quota 12 centri in stagione ad Hakimi, tornato a sfrecciare sulla destra come la scorsa stagione al Borussia Dortmund. Il belga e il marocchino sono stati i volti da copertina dell'Inter che ieri sera ha travolto il Bologna di Mihajlovic ma verosimilmente saranno anche coloro che dovranno guidare i compagni all'impresa mercoledì contro lo Shakhtar Donetsk. Perché i nerazzurri, che si sono confermati al secondo posto in campionato, non possono fermarsi e adesso devono battere gli ucraini per centrare la qualificazione agli ottavi di Champions. Sempre che il Borussia Mönchengladbach e il Real Madrid non pareggino la loro sfida. In caso di "biscotto" a Valdebebas infatti addio Champions...

Caso Eriksen, Conte scatena i tifosi: le reazioni tra ironia e indignazione
Guarda la gallery
Caso Eriksen, Conte scatena i tifosi: le reazioni tra ironia e indignazione

La grinta di Lukaku

Stamani Lukaku ha invitato i compagni a non fermarsi. "Ancora una vittoria! Buon lavoro di tutta la squadra. Continuiamo così!" ha scritto il gigante belga evidentemente felice per essere arrivato a quota 290 reti in carriera e per aver vissuto un'altra gara da protagonista. Per una volta, però, la scena gliel'ha rubata Hakimi che era stato messo in discussione per qualche errore di troppo e che stavolta ha reagito da vero fuoriclasse. I segnali di risveglio c'erano già stati martedì con l'assist del 3-1 per Lukaku, ma ieri sera è stato addirittura devastante: ha firmato il 2-0 su lancio di Brozovic grazie a uno stop perfetto, ma il 3-1 che ha chiuso il confronto è stato addirittura un gioiello con un'accelerazione alla... Hakimi conclusa da un tiro imparabile. Ha chiarito, ancora una volta, perché Marotta e Ausilio hanno investito a fine giugno 40 milioni più 5 di bonus per acquistarlo. E' il futuro... Accanto all'ex United e al marocchino, però, ha brillato pure Brozovic, tornato su grandi livelli. Per la mediana è un recupero fondamentale. Adesso pensare all'impresa Champions è più facile. Conte e l'Inter ci credono.

Conte: "Vidal è un guerriero"
Guarda il video
Conte: "Vidal è un guerriero"

Inter, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti