Corriere dello Sport

Juventus

Vedi Tutte
Juventus

Allegri: «Juventus, ti manca equilibrio»

Allegri: «Juventus, ti manca equilibrio»
© LaPresse

Il tecnico della Juventus ha frustato i suoi dopo il ko contro la Sampdoria: «Dobbiamo subire meno gol. Con il Barça serve una vittoria perché non vogliamo andare a giocarci il passaggio del turno ad Atene»

Sullo stesso argomento

dal nostro inviato Andrea Ramazzotti

martedì 21 novembre 2017 20:12

TORINO - Massimiliano Allegri ha fiducia, ma al tempo stesso nessuna intenzione di fare sconti ai suoi: la Juventus deve migliorare in fretta per lottare per il settimo storico scudetto consecutivo.

Allegri, già domani cambierà qualcosa o vedremo lo stesso sistema di gioco?
«Il modulo dipende da come ci muoviamo in fase offensiva e difensiva. Abbiamo perso in campionato due partite e analizzando la prima parte della stagione dobbiamo migliorare la fase difensiva perché abbiamo subito troppi gol. Perché? Perché abbiamo subito troppi tiri in porta ed è necessario trovare più equilibrio».

A Dybala pesa il paragone con Messi? Paulo giocherà titolare?
«Sì, giocherà titolare. Non so se gli persa il paragone con Messi perché questo è dentro di lui e andrebbe chiesto a lui. E’ partito forte, poi è calato. Ha 23 anni e Messi 30 e oltre alla differenza d’età, anche se sono entrambi mancini, tra i due c’è molta differenza a livello fisico perché hanno caratteristiche diverse. Se possono giocare insieme però dovete chiederlo a Sampaoli. Non è un problema mio anche perché Messi purtroppo nella Juventus non c’è».

Foto - Torna la Joya: Dybala pronto per il Barcellona



Se ci fosse un rigore lo batterà Dybala?
«Riprenderà a tirare i rigori anche se a Genova lo ha tirato Higuain. Se l’è sentita Gonzalo ed ha segnato».

Ha visto in allenamento la squadra più reattiva rispetto a Genova?
«A Genova abbiamo fatto una bella partita, ma nel calcio contano i risultati. Ci è mancato il risultato e non abbiamo segnato quando dovevamo. La prima rete l’abbiamo subita su una carambola, mentre in occasione della seconda è mancata la densità a metà campo. Dovremo essere più reattivi e avere un po’ più di attenzione. Non mi sembra però che la Juventus abbia tutte queste problematiche perché abbiamo fatto 37 goal subendone 14. Ci manca un po’ di equilibrio. Adesso dobbiamo ripartire come successo in passato quando abbiamo avuto delle difficoltà».

Pensa che la Juventus possa ripetere il 3-0 al Barcellona dello scorso anno?
«Ogni partita fa storia a sé. Il Barcellona quest’anno ha giocato 14 partite non ha ancora perso nella Lega e in 4 partite di Champions non ha subito sconfitte. Subisce pochissimi gol e ha un equilibrio maggiore rispetto alla scorsa stagione: è vero che segna meno, ma soprattutto subisce pochissimo. Noi dobbiamo centrare l’obiettivo qualificazione e andare ad Atene con maggiore tranquillità nell’ultima giornata».

Dopo l’eliminazione dell’Italia dalla Champions, la Juventus avrà ancora più motivazioni per risollevare il calcio italiano?
«Noi ci giochiamo una grande opportunità in Champions e vogliamo mettere tutto l’impegno possibile per arrivare fino in fondo anche quest’anno. Un passo alla volta: prima passiamo il turno e poi cerchiamo di farci trovare pronti a marzo».

Articoli correlati

Commenti