Szczesny: «Con Ronaldo in attacco ci basta non prendere gol per vincere»

Il portiere della Juventus: «Contro la Roma una bella vittoria. Troppi successi di misura? Sempre 3 punti se si vince 1-0 oppure 7-0»
Szczesny: «Con Ronaldo in attacco ci basta non prendere gol per vincere»© Juventus FC via Getty Images

TORINO - "Vincere non è mai semplice, la Roma ha giocatori di buona qualità che ci hanno creato delle difficoltà, ad un certo punto ci siamo abbassati ma siamo rimasti compatti e ordinati e alla fine i giallorossi non hanno crearo tanto". Lo ha detto a Sky il portiere della Juventus Wojciech Szczesny tornando sul successo di ieri contro la Roma. "Avere un muro in difesa può deconcentrare? Ho detto sempre che la partita del portiere della Juve è questa, bisogna rimanere sempre concentrati e dare una mano quando si viene chiamati in causa. Nelle ultime settimane la difesa ha fatto davvero un gran lavoro". Una Juve che ha risentito positivamente l'effetto Ronaldo e con il suo arrivo la squadra si sente più forte. "L'arrivo di Cristiano ha fatto capire alla squadra che se facciamo il nostro dietro, davanti succede qualcosa visto gli attaccanti che abbiamo, quindi se non prendiamo gol molto spesso vinciamo le partite".

Secondo Szczesny vincere di misura le partite non è un problema. "Chiuderle prima? E' sempre una questione di equilibrio, per vincere bisogna fare un gol in più dell'avversario, del resto si prendono sempre 3 punti se si vince 1-0 oppure 7-0. L'1-0 è un risultato perfetto, sono un portiere e l'importante è non prendere gol". In Italia il campionato sembra già chiuso, mentre in altri tornei europei c'è maggiore equilibrio. "La vittoria ti prepara sempre al meglio per la prossima partita - spiega Szczesny - per la Champions mancano ancora due mesi, al momento pensiamo alla trasferta di Bergamo, quando giocheremo contro l'Atletico vedremo se è meglio vincerle tutte in campionato o meno".

E il sorteggio degli ottavi di champions non è stato benevolo con la Juventus che ha beccato l'Atletico Madrid. "Poteva andar meglio ma per arrivare in fondo bisogna battere i più forti in Europa, del resto poi ai quarti e in semifinale si trovano squadre come Real Madrid e Barcellona".

Szczesny elogia Mario Mandzukic, un giocatore che parla poco e non ama rilasciare interviste. "E' un ragazzo normale, parla poco, lo fa sul campo e quello è importante - dice il portiere bianconero - Negli scontri diretti ha fatto sempre gol, sta facendo bene e si gode questo momento. Dybala sta segnando meno? Sta facendo un grandissimo lavoro, lo scorso anno ha fatto tanti gol, quest'anno dà un contributo maggiore alla squdra, è più completo, più maturo, accetta di venire a difendere e ha sempre grande qualità".

Il prossimo impegno sarà in casa dell'Atalanta, una formazione sempre difficile da affrontare e che sta facendo molto bene: "E' sempre una battaglia fisica a Bergamo - conclude - ci aspettiamo una gara difficile ma a Milano ci sarà un altro scontro diretto tra Inter e Napoli e se facciamo il nostro dovere possiamo allungare in classifica". (in collaborazione con Italpress)

Juve, i migliori video

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti