Tutti i segreti di Sarri: ecco come ha trasformato la Juve

Il tecnico ha rilanciato gli elementi che il club aveva messo in vendita e adesso può modellare l’organico come crede: il meglio del suo lavoro, oltre i semplici risultati, deve ancora arrivare
Tutti i segreti di Sarri: ecco come ha trasformato la Juve© Juventus FC via Getty Images
3 min
Alfredo Pedullà
TagsjuveSarri

TORINO - Giugno 2015: Maurizio Sarri firma per il Napoli e gli dicono «sai, controlla bene, ma non siamo troppo soddisfatti del rendimento di Koulibaly, Ghoulam e Jorginho. Potremmo pensare di cederli». Giugno 2019: Maurizio Sarri firma per la Juve e lo avvertono «tu valuta Cuadrado, Khedira e Matuidi, ma sappi che due sono in scadenza di contratto e l’altro non è intoccabile». La storia nasce due volte così e deve essere un bel risultato pensare che gli ex cedibilissimi siano diventati tasselli imprescindibili per le squadra che allena. E’ un po’ la forza del suo magazzino: se fanno l’inventario prima che arrivi è una storia, se lo fanno dopo è un’altra musica.

Juve, Ronaldo a colloquio con Sarri: l'allenamento bianconero
Guarda la gallery
Juve, Ronaldo a colloquio con Sarri: l'allenamento bianconero

Da Koulibaly a Matuidi, quando Sarri fa la differenza

Quando i tre del Napoli erano più fuori che dentro, nessuno immaginava che il salto sarebbe stato così netto con Sarri. Jorginho è andato via per 65 milioni, doveva essere del Manchester City e invece raggiunse l’allenatore preferito al Chelsea; per Koulibay poche ore fa De Laurentiis ha detto di aver rifiutato una proposta da 105 milioni; Ghoulam era diventato uno degli esterni mancini più forti d’Europa (tra i primi tre) prima che un maledetto e grave infortunio contro il Manchester City gli tarpasse le ali. Il famoso magazzino si sente traslocando da Napoli a Torino sponda bianconera. Matuidi e Cuadrado stavano scivolando lentamente verso la fine del contratto, senza grossi margini per il prolungamento. Ora il mondo è cambiato, sul loro cielo non piove più ma splende il sole, al punto che si ragiona - eccome - su un rinnovo meritatissimo. E Khedira? Veniva considerato più fuori che dentro, nel mare magnum delle scelte a centrocampo. Ora Khedira non si tocca, magari non è al top, ma parte lui e gioca almeno un’ora. Khedi non sarà un fulmine di agilità, ma gli equilibri che garantisce lui sono fondamentali per Sarri.

Juventus, monte ingaggi da brividi
Guarda il video
Juventus, monte ingaggi da brividi


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Juve, i migliori video

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti