Juve, Sarri: "Non vedo miglioramenti. Il rigore? Clamoroso"

Il tecnico dei bianconeri dopo l'1-1 sul campo del Milan in Coppa Italia: "Fatichiamo a crescere ma il risultato è buono per il ritorno"

© Getty Images

MILANO - La Juventus ha pareggiato 1-1 in casa del Milan nella semifinale di andata di Coppa Italia. Maurizio Sarri è intervenuto ai microfoni di Rai Sport dopo la partita di San Siro, spiegando: "Non c’è stato nessun margine di miglioramento, ma è normale. Siamo in una fase in cui fatichiamo a crescere. Abbiamo fatto bene le uscite da dietro, ma siamo mancati negli ultimi venti metri. Sul gol subìto non abbiamo attaccato una palla lenta e facilmente difendibile". Il tecnico della Juve ha aggiunto: "Prendiamo gol in circostanze evitabili. Il risultato può essere buono in vista della partita di ritorno, va bene così. Non sono preoccupato. Pjanic e Ramsey? Hanno fatto una buona partita. Stasera Ronaldo è stato lasciato troppo solo per poter essere incisivo. Su questo sono d'accordo, sulla lentezza dei centrocampisti no". 

Sarri: "Non conosco il Sarrismo..."
Guarda il video
Sarri: "Non conosco il Sarrismo..."

Le parole di Sarri dopo Milan-Juve

"Siamo in un momento di crescita bloccata, ma possiamo ripartire dal palleggio di stasera e lavorare su evitare qualche gol evitabile. Il calcio non è più come pochi anni fa, le squadre che finiscono con 18-20 gol subiti non ci sono più" ha aggiunto Sarri. Poi su Chiellini: "Quanto ci manca Chiellini? Quando si parla di certi giocatori è evidente: mancano a noi come lo farebbero per qualsiasi squadra al mondo. Quando mancano giocatori top qualche ripercussione c'è. Giorgio dà soprattutto personalità ed energia, i tempi di recuperi non li so ma dipenderà soprattutto da lui". Poi sugli mpegni contro Inter e Lione da qui a fine marzo: "Si parla di tempi calcistici lunghi. Vediamo. Quindici giorni fa stavamo benissimo, oggi un po' meno bene. Magari tra altri quindici giorni staremo nuovamente benissimo. Da stasera comunque traggo anche tante indicazioni molto positive". Sul rigore: "Con le norme attuali il rigore è clamoroso, netto, anche se io non sono completamente d'accordo. Non mi sento avvantaggiato perché ce ne era uno prima per la gomitata su Cuadrado" ha detto Sarri. Infine, chiude con una battuta la polemica nata con Poste Italiane: "Ritiro la domanda di assunzione alle Poste, l'ambiente mi sembra difficile. Vengo da una famiglia di operai, non mancherei mai di rispetto ai lavoratori".

Sarri: "Rigore clamoroso e ne manca uno su Cuadrado"
Guarda il video
Sarri: "Rigore clamoroso e ne manca uno su Cuadrado"

Commenti