Juve, Rabiot elogia Pirlo: "È il massimo. Era un grandissimo centrocampista"

Il calciatore della Juventus ha parlato dal ritiro della Francia: "Devo molto ad Ancelotti. Andrea? È diverso da Sarri, spero funzioni"
Rabiot 6 - E’ il più vivace dei tre centrocampisti, di sicuro quello più lucido. Almeno lui non sbaglia partita© Juventus FC via Getty Images
9 min

CLAIREFONTAINE - È tempo di Nations League, è tempo di ritiri delle nazionali. In questi giorni sono molte le selezioni che si sono riunite per preparare le sfide del torneo europeo, fra queste, oltre alla Nazionale di Roberto Mancini, c'è anche la Francia di Didier Deschamps. Proprio con i Blues fa il suo ritorno Adrien Rabiot, che ritorna nel ritiro di Clairefontaine dopo le frizioni precedenti al Mondiale vinto nel 2018. Il centrocampista della Juventus ha risposto alle domande dei giornalisti ed ha parlato di Prilo, del suo arrivo a Torino e delle sue impressioni del calcio italiano.

Sei cambiato da quando hai lasciato Parigi?

"Mi sono necessariamente evoluto. Due anni nel calcio di oggi sono a dieci anni all'esterno. Tra i miei anni a Parigi e quelli a Torino, sono cambiato molto come calciatore. È molto diverso. Un calcio diverso, un'altra lingua, un'altra vita. E da uomo è lo stesso. Quando partiamo da un luogo in cui ci sentiamo bene, in una certa comodità, questo ci cambia e ci permette di evolvere. Ne ho passate tante nella vita, non necessariamente sempre molto belle. Mi ha fatto crescere".

I risultati della sua prima stagione alla Juve?
Sono contento della mia stagione. Non è necessariamente iniziato bene, venivo da un periodo di inattività abbastanza lungo, era difficile addentrarsi nello spogliatoio. È migliorato ed è anche andato molto bene. È qualcosa di positivo. Questo è quello che ricordo. Piuttosto che iniziare bene e finire male, ho potuto lottare, non lasciarmi andare, andare avanti e ottenere ciò che volevo. Mi permette anche di tornare in Francia, quindi questa stagione la giudico bene".

Come ti sei fatto strada alla Juve?

Ho dovuto lottare, sono una persona molto ottimista che ama la competizione. Dal momento in cui sono riuscito a trovare il mio posto a Torino, ho cercato di mantenerlo, di non mollare. Giocavo con la Francia in mente, questo mi ha dato una spinta".

Le tue preferenze di ruolo?
“Anche questo è stato spesso interpretato male, gonfiato o amplificato. Come molti giocatori, sono stato allenato per una posizione, centrocampista sinistro, è lì che mi sento meglio. Ovviamente posso passare ad altre posizioni. È bene chiarire. Questo non è un rifiuto di passare da una posizione all'altra. Non è affatto così. Quello in cui posso esprimermi al meglio, mettere le mie qualità al servizio del collettivo, è in questa posizione. Quindi posso evolvermi ovunque e farlo bene ".

Su Pirlo il suo nuovo allenatore alla Juve
"È solo una settimana che lavoro con questo allenatore, ma penso che sarà ben diverso perché si è evoluto con la Juve da giocatore e il suo staff è composto da ex giocatori. Sono uno staff giovane, diverso da Sarri, forse più vicino a quello che è la Juve e a quello che cerca. Spero che funzioni. È un ex grande centrocampista, per me è importante. Sui principi di gioco che vuole mettere in atto, mi va bene, questo può aiutarmi. Per un centrocampista come me, con un allenatore come Pirlo, è praticamente il massimo".

Il suo rapporto con i media dopo la sua partenza da Parigi
La vita lontano dai media è più tranquilla. Ma fa parte dell'ambiente, della vita di tutti i giorni, è così. Per un po' sono stato in grado di ignorarlo. A volte, anche molto spesso, non mi lasciano andare. Ma ora lo prendo con più calma. Non sono una persona che parla molto. Ci sono anche alcune cose positive, il che è anche un bene. Dovrebbe essere equilibrato".

Serie A superiore alla Ligue 1?
"Direi di si. Ci sono più squadre in Serie A con cui è più difficile giocare che in Ligue 1. In Francia ci sono giocatori più talentuosi che possono fare la differenza da soli. La cosa più difficile in Serie A è il ritmo, l'intensità, la tattica. Le squadre sono davvero attente, è tutto molto tattico. Anche l'intensità del lavoro durante la settimana è diversa. Penso sia così in tutti i club italiani".

Sul PSG battuto in finale di Champions League
Certo che tifavo per il PSG. Anche con quello che sarebbe potuto accadere, il mio cuore di parigino e il fatto che sia cresciuto nel club ha fatto sì che tifassi per il Paris. Ovviamente sono rimasto deluso per alcuni soprattutto per Kimpembe. È un amico e se lo meritava. C'era anche Coman dall'altra parte che conosco bene. Sono stato anche molto felice per lui. Tifavo il PSG e sono rimasto deluso per alcuni e felice anche per altri".

Su Ancelotti
All'inizio Carlo Ancelotti mi ha portato in prima squadra. Ho passato solo sei mesi con lui perché dopo sono stato ceduto in prestito al Tolosa e lui se n'è andato a fine stagione. Sono stati sei mesi importanti. Era un buon allenatore con cui iniziare, per arrivare a questa squadra. Parla e scambia molto. Quando si è giovani è importante inserirsi in una squadra come quella che cominciava a crescere bene con ottimi giocatori. Ho avuto un buon rapporto con Ancelotti, mi ha aiutato molto. Impariamo da tutti gli allenatori, sia a livello tattico che umano".

Sul suo rapporto con Matuidi a Torino
Abbiamo parlato molto, mi ha aiutato a inserirmi e mi ha dato tanti piccoli consigli su tante cose. Ha avuto una certa esperienza. Era una persona importante".

Sul calcio a porte chiuse
Trovare la motivazione, a volte, è molto complicato. Il pubblico è davvero importante. Nel ritorno di Champions League contro il Lione in casa, a un certo punto eravamo sul 2-1. Se ci fossero stati i tifosi a spingerci, penso sinceramente che avremmo fatto il terzo e ci saremmo qualificati. I tifosi ci permettono di motivare noi stessi e di destabilizzare l'avversario. Senza di loro sembra di allenarsi".

Il suo ritorno in nazionale e con Deschamps
"Sono molto felice di essere di nuovo al ritiro con la squadra. Anche con Didier Deschamps le cose stanno andando molto bene. Abbiamo avuto modo di discutere, parlare un po' di quello che è successo nel 2018, ma anche di questo raduno e un po' della Juventus."

Credeva in un ritorno in blu?
"Sì. Non ho intenzione di dire di no. Quello che è successo è quello che è successo. So che il manager non si è bloccato su questo genere di cose. Si occupa principalmente delle prestazioni. Segue i giocatori. Negli ultimi mesi ho avuto dei momenti piuttosto complicati. Ovviamente, non era una giustificazione per tornare con la Francia. Ma finché sono stato in grado di rigiocare e riguadagnare il mio livello, perché no?"

Puoi svelarci qualcosa sull'incontro con l'allenatore?
Preferisco tenerlo per me. È una discussione tra allenatore e giocatore, tra uomini, a quattro occhi. È meglio così. Con l'allenatore non credo ci sia stato un periodo buio. La domanda può essere collegata alla lettera (inviato per giustificare il suo rifiuto di essere una riserva, ndr). Ne abbiamo discusso con l'allenatore. Non c'è mai stato alcun affronto o aggressione nei suoi confronti. Lo sa bene. Un periodo travagliato con l'allenatore? Non è quello che direi. Non ci sono stati problemi con il manager"

Nessuna scusa da fare quindi
"Non è successo niente tra il manager e me, niente di personale. Non c'è niente che lui abbia preso a male, o contro se stesso, o contro il presidente della Federazione. Non era niente di personale, né contro altri giocatori presenti. Mi suona un po' strano quando sento «chiederà scusa?»"

Come ha vissuto il Mondiale 2018?
"Ero contento, come ho già detto all'allenatore. Non ho rancore o altro. Al contrario, ho seguito la Francia e sono contento di questa vittoria".

I tuoi obiettivi con la Francia
Mi aspetto cose buone. Mi aspetto che il mister mi permetta di rigiocare, che è la cosa più importante. Potermi mostrare e affermarmi in questa squadra. Sono arrivato abbastanza presto. Non mi sono esibito nel miglior modo possibile. Soprattutto, questo è l'obiettivo. Sono in un buon stato d'animo, sono molto felice, con le persone che conosco, in un posto che conosco anch'io. L'europeo è abbastanza lontano. Il mio obiettivo, ovviamente, non è quello di essere una riserva, ma fra i 23 convocati. Vedremo più avanti".

La concorrenza nel suo ruolo
C'era già concorrenza. Ci sono stati alcuni ottimi giocatori nella Francia per diversi anni. Non direi che siamo peggiorati, è migliorata. Devi superare te stesso ed essere all'altezza per guadagnare il tuo posto in questa squadra".


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Juve, i migliori video

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti