Cristiano Ronaldo il Vittorioso

Cristiano Ronaldo il Vittorioso© Juventus FC via Getty Images
Italo Cucci

TORINO - Il mio punto di vista su Ronaldo conta poco. Mentre presuntuoso e audace elaboro la sua prova nel match di Supercoppa, in avvio deludente, duecentocinquanta milioni di seguaci (followers) di Instagram gli rinnovano in crescendo rossiniano rispetto, amore, passione. Perché non è un calciatore, è un idolo. E non ha bisogno, beato lui, di battere un Napoli per confermarsi Sublime Dispensatore di Vittorie. È già il Vittorioso. Anche se talvolta perde. Agnelli l’ha voluto a Torino per la sua fama di invincibile, ma gli ha chiesto dippiù: con quel ch’è costato - oddio che volgarità - lo pretende vincente. Soprattutto dopo la deplorevole prova contro l’Inter esibita da una Juve assente e molliccia. Lui compreso. Senza l’immanente certezza della sua potenza il nuovo Trio bianconero (Nedved che consiglia, Paratici che esegue) non avrebbe mai rischiato Pirlo, surrogato autarchico del Guardiola perduto. In questa stagione difficile Cristiano, abituato al confronto con Messi sottolineato da palloni d’oro a gogò, rischia il confronto con Zlatan il Terribile che dirige l’orchestra del Milan eseguendo marce trionfali. Quell’Ibra che quasi imitandolo s’è spogliato sul palcoscenico di Cagliari per mostrare il torace possente da Aiace Telamonio peraltro senza gli addominali a tartaruga del Ninja CR7.

Quasi a smentire la sua non partecipazione al perduto Derby d’Italia, Ronaldo dopo un avvio incerto s’è fatto uomo squadra, ha rinunciato alla divinità, s’è fatto operoso trascinatore. Ed ecco la scaletta dei suoi interventi: 34’, un tocco a centrocampo; 35’, sinistro a rete respinto; 36’, suggerisce corner; 38’, imbecca Arthur; 39’, tiro fuori; 43’ fa anche un fallo su Di Lorenzo; 50’, ci prova e fa paura agli azzurri; 54’, scontro duro con Ospina; 59’, tiro in porta deviato; 62’, intercettato da Manolas che rischia l’autorete; 63’, golgolgol con una girata mancina dopo il corner di Bernardeschi.

Così finisce il conto del servo vostro che serenamente s’illude di aver fotografato l’Eroe aggiornato. Il professionista perfetto. Che regala alla Juventus la nona Supercoppa d’Italia, come il 16 gennaio 2018 a Gedda quando con un suo gol battè il Milan... di Gattuso. Niente Arabia Saudita, stavolta, solo Reggio Emilia, la città che tenne a battesimo il Tricolore che fa tanto Coppa Italia e Supercoppa. Fateglielo sapere.

Mi è rimasto in sospeso il confronto con Ibrahimovic che adesso si sposta in campionato, obiettivo scudetto. Mi piace ricordare la scelta di Max Allegri, un grande assente: «Ho allenato molti giocatori forti, con una grande mentalità - ha detto a Time - difensori come Chiellini e Nesta, centrocampisti come Gattuso e Seedorf e attaccanti come Ibrahimovic e Cristiano Ronaldo. CR7 è il migliore da questo punto di vista, perché ha una testa diversa da quella di tutti gli altri. Ha vinto cinque volte il Pallone d’Oro e altrettante la Champions, oltre a un Europeo col Portogallo. Nonostante questo, è sempre lui a fare la diff erenza e ogni anno si pone un nuovo obiettivo». Sempre che la Juventus tragga da questa vittoria ronaldesca lo spunto per farsi squadra. Sempre che Pirlo mantenga il patto d’acciaio con il magnanimo Re del Portogallo trapiantato in Savoia. Come quel Savoia che si esiliò in Portogallo, a Cascais.

 

Juve, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti