Caso Suarez, Agnelli scarica Paratici: ecco la sua versione

Il presidente bianconero ha detto di sapere poco o nulla della vicenda che è oggetto dell’inchiesta della Procura di Perugia. Ecco cosa emerge dai verbali
Caso Suarez, Agnelli scarica Paratici: ecco la sua versione© ANSA

Tranquilli, mai. In questa interminabile stagione, in casa Juve non c'è un giorno che possa passare senza che nuove o vecchie preoccupazioni possano tornare a galla. Come lo spettro del caso Suarez all'interno delle indagini della Procura di Perugia. Con alcuni passaggi della testimonianza del presidente bianconero Andrea Agnelli che sembrano stridere con quelle di Maurizio Lombardo, ex segretario della Juve e per dieci anni definito come l'uomo dei contratti.

Caso Suarez, Agnelli non ne sapeva nulla

Il presidente bianconero, della vicenda Suarez, avrebbe saputo poco o nulla. In termini di mercato sarebbe stato informato da Pavel Nedved durante un pranzo di fine agosto «che il giocatore del Barcellona si era proposto con un sms». In generale come per ogni altra trattativa tutto era in mano a Fabio Paratici: «Ha ampia delega nei limiti del budget assegnato. Naturalmente mi informa in modo occasionale e casuale». Agnelli non ricordava di aver ricevuto informazioni sulle attività relative al conseguimento della cittadinanza comunitaria di Suarez, dell'esame in programma seppe solo attraverso i giornali, non ha notato nulla di strano nei contatti tra Paratici e il ministro De Micheli. E non ricordava nemmeno la richiesta via mail da parte di Lombardo dell'invio della griglia di proposta contrattuale all'avvocato di Suarez. Ma l'ex segretario bianconero aveva spiegato ai PM (come rivelato dal Corriere della Sera) di aver ricevuto tramite lo stesso Paratici l'autorizzazione a procedere da parte di Agnelli: «Il presidente non mi ha mai risposto ma Paratici mi ha riferito che ci aveva parlato lui e che potevo procedere con l’invio all’avvocato Zaldua». E del fatto che Lombardo avesse chiesto alla segreteria di Agnelli un incontro con il Prefetto di Torino per una richiesta di informazioni riferita alla vicenda Suarez, il presidente è stato informato solo «ex post».

La mossa di Lombardo

Il 14 settembre Lombardo inviò alla Uefa una richiesta di parere per sapere, data l'eccezionalità del momento storico, se potesse essere inserito in lista Champions anche dopo la scadenza fissata. Un fatto che per Agnelli «costituisce prova che il 14 settembre era già chiaro che Suarez non poteva essere tesserato per tempo». Ma solo dopo la richiesta Lombardo scopre dai media che la Juve si sarebbe tirata indietro dalla trattativa, come poi confermatogli da Paratici.

Tutti gli approfondimenti sul Corriere dello Sport-Stadio

Caso Suarez, Agnelli sentito dai pm di Perugia
Guarda il video
Caso Suarez, Agnelli sentito dai pm di Perugia

Mister Calcio Cup europei

Juve, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti