Allegri vuole Dzeko, la Juve pensa all'occasione

Il tecnico ha ­fiutato l’affare che renderebbe la sua squadra più equilibrata e micidiale in attacco
Allegri vuole Dzeko, la Juve pensa all'occasione© BARTOLETTI
TagsJuventusCalciomercatoDzeko

La Juve, la Roma, Edin Dzeko. E fin qui è tutto come un anno fa, con un anno in più sul-la carta d'identità del bosniaco e uno in meno dalla scadenza del suo contratto, fissata al 30 giugno 2022. Per il resto è però cambiato tutto. Alla Juve non ci sono più Fabio Paratici e Andrea Pirlo, ma Federico Cherubini e Max Allegri che tutto sommato sembrano pensarla alla stessa maniera fiutando l'affare per il centravanti chiamato a completare l'attacco bianconero, sia che debba ruotare attorno a Cristiano Ronaldo sia che debba gestirne l'eredità. Alla Roma nel frattempo è arrivato Tiago Pinto a occupare la casella del ds, mentre José Mourinho è già diventato il più grande colpo possibile di mercato: dopo tante giravolte, per vari motivi, Dzeko si ritrova fronte alla porta d'uscita, senza dover necessariamente sbatterla quella porta, anzi. E pure Dzeko ha cambiato manager, scegliendo Alessandro Lucci dopo anni trascorsi al fi anco di Silvano Martina. È cambiato tanto, tantissimo. Ma un anno dopo sono di nuovo tutti qui: Juve, Roma e Dzeko. Con la volontà di cambiare anche un'altra cosa, la più importante: il finale.

Juve, si riapre la pista Dzeko

Se un anno fa l'affare saltò, le responsabilità son da cercare altrove (vedi l'intreccio con Arek Milik e il Napoli). La Juve ha così riaperto un file mai chiuso. Difficile programmare in un mercato così vincolato al futuro di Cristiano Ronaldo, che sta cercando una via d'uscita (tra United e Psg), ma in questo momento ha energie da dedicare solo all'Europeo. Serve così un piano buono sia in caso di partenza che di permanenza di CR7, tecnicamente ed economicamente. E anche a 35 anni, anche dopo una stagione un po' così, il profi lo di Dzeko è di nuovo quello che può mettere tutti d'accordo. È un vero 9, ha testa e piedi da falso 10, era già nella transizione da Sarri a Pirlo l'uomo giusto per tenere insieme Ronaldo e Paulo Dybala, lo resta ancora oggi che potrebbe poi finire per giocare solo con uno dei due. L'attesa conferma di Alvaro Morata non sarebbe un problema: tre punte erano poche, quattro non potranno essere troppe.

Tutti gli approfondimenti sull’edizione del Corriere dello Sport – Stadio

Juve, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti