Allegri e Sanremo: "Ho visto Angelina, poi mi sono addormentato"

Tanti i temi toccati dal tecnico della Juve nel corso della conferenza stampa di presentazione al match con l'Udinese

Domani la Juventus affronterà l'Udinese nel posticipo della 24a giornata del campionato di Serie A. Massimiliano Allegri ha messo in risalto l'importanza dell'incontro in conferenza stampa: "Il grupppo ha lavorato bene. Dobbiamo tornare alla vittoria perchè affrontiamo una squadra che non merita la classifica che ha. Serve rispetto per loro". 

"L'Inter sta facendo un percorso straordinario"

Allegri ha poi proseguito: "L'Inter era la favorita e lo sarà fino alla fine, non bisognava aspettare la partita di ieri con la Roma. Noi abbiamo fatto 53 punti, tornare alla vittoria domani è importante, perchè ci allontaneremmo in modo rilevante dal quinto posto, si tornerebbe al successo e si andrebbe di nuovo a -4 dall'Inter, anche se loro hanno una partita in meno. Stanno facendo un percorso straordinario, 7 su 7 nel 2024, noi un passettino alla volta. Speriamo di tornare alla vittoria".

La Juve e l'obiettivo Champions League

"Dobbiamo essere ancora più motivati domani, non scenderemo in campo demotivati. L'obiettivo è tornare a giocare la Champions e quella di domani è una partita molto importante. Contraccolpo dopo l'Inter? Stiamo bene dal punto di vista mentale, a Milano abbiamo perso contro una squadra che sta facendo cose straordinarie, una partita non ti fa buttare via un percorso di tanti mesi. Abbiamo imparato molto da quella partita. Il futuro? Ho un altro anno di contratto, dipendiamo dai risultati e dal lavoro che svolgiamo".


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Il record di Allegri alla Juve

Per Allegri sarà la panchina numero 405 con la Juventus, un dato che gli permetterà di raggiungere Marcello Lippi: "Sono molto soddisfatto di questo traguardo, raggiungo Marcello Lippi che ha fatto la storia del calcio italiano e della Juventus. E poi sono legato a lui in modo affettivo, è una persona straordinaria. Sono molto contento, però abbiamo una partita importante da vincere. Le 405 panchine con la Juve passano in secondo piano”.

Allegri e Sanremo

"Ieri ho visto la partita Sassuolo-Torino e poi quando sono tornato a casa ho visto un pezzettino di Sanremo e ho sentito la canzone della ragazza che ha vinto. Poi mi sono addormentato, perchè avendo una certa età alle 11 vado a dormire e non riesco ad andare oltre. Alex Sandro domani potrebbe giocare, è un giocatore importante. Quest’anno ha avuto qualche intoppo, poi ho scelto come titolari Danilo-Gatti-Bremer, però Rugani e Alex Sandro sono giocatori importanti. Sandro quest’anno è all’8-9 anno alla Juve e ha vinto Scudetti e giocato finali di Champions. Può dare ancora tanto al calcio perchè non è semplice da trovare". 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

La condizione di Vlahovic

"Vlahovic non ha niente di particolare, ha un affaticamento all'adduttore, dovrebbe essere a disposizione con il Verona. Domani avremo quattro attaccanti, porteremo Cerri dalla Next Gen. Chiesa sta bene come Yildiz e lo stesso Milik, domattina deciderò chi giocherà tra Yildiz e Chiesa". 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domani la Juventus affronterà l'Udinese nel posticipo della 24a giornata del campionato di Serie A. Massimiliano Allegri ha messo in risalto l'importanza dell'incontro in conferenza stampa: "Il grupppo ha lavorato bene. Dobbiamo tornare alla vittoria perchè affrontiamo una squadra che non merita la classifica che ha. Serve rispetto per loro". 

"L'Inter sta facendo un percorso straordinario"

Allegri ha poi proseguito: "L'Inter era la favorita e lo sarà fino alla fine, non bisognava aspettare la partita di ieri con la Roma. Noi abbiamo fatto 53 punti, tornare alla vittoria domani è importante, perchè ci allontaneremmo in modo rilevante dal quinto posto, si tornerebbe al successo e si andrebbe di nuovo a -4 dall'Inter, anche se loro hanno una partita in meno. Stanno facendo un percorso straordinario, 7 su 7 nel 2024, noi un passettino alla volta. Speriamo di tornare alla vittoria".

La Juve e l'obiettivo Champions League

"Dobbiamo essere ancora più motivati domani, non scenderemo in campo demotivati. L'obiettivo è tornare a giocare la Champions e quella di domani è una partita molto importante. Contraccolpo dopo l'Inter? Stiamo bene dal punto di vista mentale, a Milano abbiamo perso contro una squadra che sta facendo cose straordinarie, una partita non ti fa buttare via un percorso di tanti mesi. Abbiamo imparato molto da quella partita. Il futuro? Ho un altro anno di contratto, dipendiamo dai risultati e dal lavoro che svolgiamo".


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

1
Allegri e Sanremo: "Ho visto Angelina, poi mi sono addormentato"
2
Il record di Allegri alla Juve
3
La condizione di Vlahovic