Lazio, la precisazione di Diaconale: “Parlo a mio nome, Lotito non c’entra”

Il direttore della comunicazione biancoceleste ha chiarito la sua posizione dopo le polemiche degli u
Lazio, la precisazione di Diaconale: “Parlo a mio nome, Lotito non c’entra”© @ Marco Rosi / Fotonotizia

ROMA - Il taccuino biancoceleste della discordia, quello firmato da Arturo Diaconale. Le parole del direttore della comunicazione della Lazio sul caso stop campionato avevano sollevato tante polemiche: "Lotito non si farà imbrogliare, vogliono fermare il calcio per motivi politici". Poi è arrivata la precisione sempre tramite un post Facebook: “Tengo a precisare che le opinioni da me espresse sul mio taccuino biancoceleste settimanale sono il frutto di valutazioni strettamente personali che non esprimono, ribadiscano o anticipano le posizioni della S.S. Lazio e del Presidente Claudio Lotito. Quando devo esprimere la voce della società lo faccio attraverso i suoi canali ufficiali e sulla base delle indicazioni del Presidente. Al di fuori di queste occasioni tutte le considerazioni da me espresse vanno attribuite esclusivamente alla mia persona e non agli organismi istituzionali della società biancoceleste". Il chiarimento finale: "Attraverso il “Taccuino” conto di stabilire rapporti e sintonie con quella parte di tifoseria che ha abbandonato la strada delle vecchie contestazioni ed ha preso atto della validità del percorso e di un progetto portato avanti con la massima determinazione dal Presidente e da tutti i suoi più stretti collaboratori".

La Lazio gioca a paintball: che coppia Correa-Milinkovic!
Guarda la gallery
La Lazio gioca a paintball: che coppia Correa-Milinkovic!

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti