Figo: “Sarei potuto andare alla Lazio, era una squadra fortissima”

L’ex fuoriclasse portoghese, in diretta Instagram, ha ricordato la calda estate del 2000: “Ho lasciato Barcellona, non hanno avuto riconoscenza”
Figo: “Sarei potuto andare alla Lazio, era una squadra fortissima”

ROMA - Giugno 2000, Luis Figo da Barcellona manda messaggi alla Lazio: “Il loro interesse mi fa piacere. Parliamo di una società top che ha vinto lo scudetto, farà la Champions League e ha una formidabile batteria di campioni”. Sergio Cragnotti è pronto al super affare con i blaugrana. Su un tavolo parallelo tratta Zenden, ma l’obiettivo è il portoghese. C’è anche l’offerta: Stankovic, Salas, Ivan de La Pena e un po' di miliardi. Poi arriva il Real Madrid, fine dei giochi, Lazio tagliata fuori. Luis, in una diretta Instagram con Fabio Cannavaro, ha ricordato quei giorni: “È stata una decisione difficile e importante: vai via da una città che ti ha dato tanto. Ma avevo bisogno di riconoscenza da parte di chi gestisce il club: quando non la ricevi, se hai un’altra proposta ci pensi. È cominciato tutto così. Il presidente mi ha detto “porta i soldi e vai via”: se uno ti dice così ti incazzi, soprattutto se cerchi di dare tutto. Quell’estate potevo andare anche alla Lazio, era forte e aveva i soldi: volevano pagare la mia clausola".

Figo e l'addio al Barca: "Mi sono incaz***o quando il presidente mi ha detto.."
Guarda il video
Figo e l'addio al Barca: "Mi sono incaz***o quando il presidente mi ha detto.."

MisterCalcioCup “Torneo a Gironi”, crea la tua squadra ora

Corriere dello Sport in abbonamento

Riparte la Serie A

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Approfitta dell'offerta a soli 0.22 euro al giorno!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti