Inzaghi: "L'addio di Maradona un vuoto enorme. Scudetto? Le potenzialità ci sono"

Il tecnico della Lazio ha parlato in conferenza stampa: "Testa solo all'Udinese, no alla Champions. Il cammino dipende da noi"
Inzaghi: "L'addio di Maradona un vuoto enorme. Scudetto? Le potenzialità ci sono"© Getty Images

ROMA - C'è l'Udinese per la Lazio. Anticipo domenica alle ore 12.30 all'Olimpico. I biancocelesti vogliono vincere ancora per continuare la scalata in classifica e mettersi tra le prime posizioni. In conferenza stampa, il tecnico Simone Inzaghi ha parlato prima di tutto di Maradona: "Diciamo addio ad una leggenda del calcio. Ad ottobre del 2016, in occasione della partita della pace, venne qui a Formello ad allenarsi. Diede calore a tutti e grande disponibilità. Ha lasciato un vuoto enorme”. Sul momento della squadra: “Turnover nella mia testa ce n’è poco. Con le cinque sostituzioni il calcio è cambiato, non ci sono più i panchinari, ma solo rose allungate. Così c’è tanta voglia di scegliere. Assenti Muriqi e Lulic. Vediamo come staranno Luiz Felipe e gli altri. La scelta in porta non l’ho ancora comunicata, lo farò a fine allenamento. Non è un problema, ma un vantaggio. La porta è ben coperta con Reina e Strakosha, due ottimi portieri”.

Lazio, che festa sui social dopo la vittoria in Champions
Guarda la gallery
Lazio, che festa sui social dopo la vittoria in Champions

Champions e non solo

“L’Udinese ha vinto l’ultima partita ed ha una delle migliori difese del campionato. Gotti mi piace, ha un suo stile. Ci aspetta una partita pericolosa, servirà attenzione e giocare bene. Testa e gambe solo all’Udinese, non alla Champions League. Lulic? Ha avuto un rallentamento dopo 15 giorni al meglio. C’è qualche problemino, ma siamo già avanti rispetto a quello che mi aspettavo. Non sarà in campo tra sette giorni, ma forse a fine anno o inizio 2021. Si è dovuto fermare, ma sono fiducioso. Correa? Ha tutto. Fisico, intelligenza, classe. Vuole migliorarsi ogni giorno, è disponibile. Sono felice di averlo tra i miei attaccanti”.

Parola scudetto

“Veniamo da ottime prestazioni. Avevamo chiuso bene prima della sosta nonostante l’emergenza. Non c’è tempo di guardarsi indietro, giochiamo ogni 3 giorni da qui sino a Natale, ci saranno tanti banchi di prova. Scudetto? Non penso al fatto che stiamo fuori dai favoriti, è stato sempre così. Quest’anno ci siamo presentati con delle problematiche non dipese da noi, ma abbiamo le potenzialità per stare con le migliori squadre. Dipenderà solo da noi”.

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti