Inzaghi: "Lazio, non meritavamo di perdere. Ecco il nostro problema"

Il tecnico biancoceleste ha analizzato la sconfitta nel finale contro il Milan: "Grande prestazione, ripartiremo da qua"
Inzaghi: "Lazio, non meritavamo di perdere. Ecco il nostro problema"© ANSA

MILANO - La rimonta sul Milan macchiata nel finale. La Lazio perde all'ultimo minuto dopo aver recuperato due gol. Al Meazza finisce 2-1, il 2020 per i biancocelesti si chiude con molta amarezza. Nel post partita, il tecnico Simone Inzaghi, ai microfoni di Dazn ha commentato: “Mi fa arrabbiare il risultato, che è bugiardo per quello visto in campo. Siamo dispiaciuti, eravamo qua con problemi di formazione. Abbiamo tenuto il campo, meritavamo di più, il calcio è questo. La Lazio ha fatto una grande gara, quello prodotto mostra un predominio in campo. Spiace per il risultato, non rispecchia quello mostrato".

La Lazio si addormenta sul più bello: festa Milan all’ultimo minuto!
Guarda la gallery
La Lazio si addormenta sul più bello: festa Milan all’ultimo minuto!

Lazio a testa alta

“Abbiamo avuto tante situazioni. Dopo il 2-2 tenevamo in mano la partita, serviva attenzione. Non perde il Milan e c’è un motivo. Siamo qui a recriminare, ci serva da lezione. Non prendiamo il risultato, abbiamo fatto quello che dovevamo. Sul primo gol c’era la marcatura, poi Rebic è saltato libero. Potevamo fare meglio anche nell’ultimo gol. Hernandez non era venuto mai a saltare, Luis Alberto che lo marcava gli ha lasciato due metri fatali. Non meritavamo di perdere”.

I problemi della squadra

Il problema vero è che serve più attenzione. Dobbiamo lavorare meglio, ma di squadra. Non è colpa solo dei difensori. Stasera i due gol su palla inattività e l’approccio sono da rivedere. Venire qui a Milano con questa personalità è un bell’augurio per il futuro. Ci mancano punti, ma ripartiamo dalla prestazione mostrata. Nel finale c’erano due squadre stanche, siamo alla decima partita in venti giorni. Non è semplice. Sembravamo averne di più nel finale, poi è arrivato il gol. Immobile e Milinkovic non ce la facevano più, ho preferito così. Caicedo? Aveva fatto l’ultima partita, era un po’ affaticato, mi aveva assicurato di stare bene. Muriqi aveva fatto bene all’ultimo allenamento, poteva essere la sua partita".

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti