Lazio, Sarri e l’uso del drone: un ‘amico’ per la tattica

Il tecnico biancoceleste è stato uno dei primi a farsi aiutare dalla tecnologia: riprese aeree per studiare i movimenti
Lazio, Sarri e l’uso del drone: un ‘amico’ per la tattica

AURONZO DI CADORE - Maurizio Sarri guarda la sua Lazio dall’alto. Un altro punto di vista per studiare meglio la tattica della squadra. Il tecnico toscano, anche in biancoceleste, fa uso del drone. Uno dei primi ad impiegare questo tipo di tecnologia nel calcio, nel ritiro di Auronzo non manca mai. Si alza e riprende le esercitazioni tattiche dall’alto, poi ad allenamento finito, insieme al suo staff, riguardano l’allenamento dal cielo.

Il drone per i movimenti in campo

Sarri fa alzare il drone quando deve lavorare sui movimenti in campo. Soprattutto se deve spiegare alla difesa come muoversi. In mattina provate due linee. La prima: Marusic, Luiz Felipe, Patric e Kamenovic. La seconda: Lazzari, Vavro, Radu, Hysaj e Fares. Poi è toccato ai centrocampisti e agli attaccanti. Dall’alto il drone vola sul campo Zandegiacomo. La Lazio viene osservata con un altro punto di vista, dichiarato fondamentale per Sarri. Staff tecnologico, è il calcio 2.0.

Lazio, Sarri e la foto portafortuna con Olympia
Guarda la gallery
Lazio, Sarri e la foto portafortuna con Olympia

CorrieredelloSport.fun, gioca gratis, fai il tuo pronostico e vinci Buoni Amazon!

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti