Calciomercato Lazio: fatta per Casale, Romagnoli verso il sì

Affare chiuso a 7 milioni più 3 di bonus, oggi le visite. Schiarita per il milanista: ingaggio fino a 3,5 milioni
Romagnoli (Lazio)© BARTOLETTI
4 min
Fabrizio Patania

AURONZO - Preso Casale: 7 milioni più 3 di bonus al Verona. Accordo raggiunto in serata a Villa San Sebastiano dopo l’incontro con Mario Giuffredi, il suo agente. Oggi dovrebbe sostenere le visite mediche e volare con Patric, in arrivo dalla Spagna, ad Auronzo di Cadore. Lotito aspettava anche il sì di Alessio Romagnoli. Una maratona notturna per ricostruire la difesa della Lazio, centrando due obiettivi decisivi per il progetto di Sarri. Mario Gila, appena preso dal Real Madrid Castilla, ieri non è riuscito a completare le visite mediche alla Paideia. Non sono state fornite comunicazioni, resta il sospetto di un possibile caso Covid. Lo spagnolo, è ovvio, non potrà raggiungere subito Auronzo. Non ha ancora firmato il contratto, l’operazione non viene considerata in pericolo. Sarri non lo considerava una prima scelta. La Lazio, invece, ha impegnato 6 milioni su Gila dopo gli 8,5 su Cancellieri e ieri stava ancora rincorrendo le priorità.

Casale

Partiamo dall’acquisto sicuro. E dall’incontro, annunciato con diverse ore di anticipo, sfociato nell’accordo. Mario Giuffredi, il suo agente, ha chiuso l’affare a Villa San Sebastiano. Il rilancio del Monza non poteva spaventare per due motivi. Il primo: Casale, una decina di giorni fa, aveva lasciato cadere l’interesse del club lombardo quando erano stati già trovati gli accordi con il Verona. Il secondo: Lotito ha un canale preferenziale con Setti e ha acquistato Cancellieri prima del 30 giugno, rinforzando l’alleanza e piazzando il sorpasso su Galliani. Sarri voleva Casale a gennaio. Centrale di destra, ma anche jolly capace di adattarsi in tutte e quattro le caselle della linea difensiva. La Lazio lo ha chiuso a 7 milioni più 3 di bonus. Durante l’inverno, ma anche un mese fa, ne sarebbero serviti 10-12. L’affare Cancellieri ha messo la strada in discesa sino alla chiusura e alla domanda successiva: dopo Gila e Casale, Sarri avrà anche l’ex numero 13 del Milan?

Lazio ancora senza portiere: ecco tutti i nomi in lista
Guarda la gallery
Lazio ancora senza portiere: ecco tutti i nomi in lista

Romagnoli

La Lazio in notturna ci stava lavorando e aspettava il sì più sospirato. Possibile, forse probabile, non certo. Ridda di voci, anche contrastanti, in linea con l’attuale cortocircuito. La cronaca va ricostruita. Alessio ed Enzo Raiola, il suo manager, hanno incontrato Lotito domenica a Villa San Sebastiano. Esisteva una differenza su stipendio e commissioni. Romagnoli ieri ci stava ancora pensando. Vuole la Lazio, non se la sente di andare in Premier e ha fatto cadere l’interesse del Fulham, pronto a offrirgli 4 milioni. Al Milan ne guadagnava 6. Maldini e Massara, durante la primavera, gliene avevano proposti 2,2. Lotito si era spinto a 2,8 più bonus. Altri contatti. Ieri all’ora di pranzo nervosismo totale, parti distanti. In serata la schiarita. Rendendo più semplici i bonus, Romagnoli arriverebbe a 3,5 milioni di ingaggio. Stop ai rilanci, prendere o lasciare. Il nodo delle commissioni, due giorni fa insormontabile, forse superato. La fumata bianca sembrava più vicina. Dura immaginare un epilogo differente, non ci sono altri club dietro, serve prudenza. L’intero popolo laziale aspetta il sì di Alessio. Oggi sapremo.

Lazio-Romagnoli: trattativa di nuovo in stallo
Guarda il video
Lazio-Romagnoli: trattativa di nuovo in stallo

 


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Commenti