Conti Lazio: bilancio, costi inferiori. E abbonamenti al rialzo

Al 30 giugno 2022 rosso minore di un anno fa (17,42 milioni) e ingaggi tagliati di circa 5 milioni
Conti Lazio: bilancio, costi inferiori. E abbonamenti al rialzo© Marco Rosi / Fotonotizia
3 min
Daniele Rindone
TagsLazioLotitoSerie A

ROMA - Dagli effetti della crisi Covid agli effetti della riforma tecnico-economica promossa dalla Lazio quest’anno. È stato pubblicato il comunicato del bilancio chiuso al 30 giugno 2022. Il rosso è pari a 17,42 milioni di euro, in diminuizione rispetto a quello del 30 giugno 2021 (era di 24,21 milioni). Le perdite, registrate per la quarta stagione di fila, sono più contenute. «Successivamente al 30 giugno 2022 sono stati acquistati otto giocatori per un costo complessivo di 35,74 milioni, Iva esclusa», si legge nel comunicato. Sono i rinforzi dell’estate, numericamente è contato anche Cancellieri, l’accordo è stato chiuso il 29 giugno, ma è arrivato in prestito con riscatto tra un anno «al verificarsi di particolari condizioni sportive» per un costo di 7 milioni (più 1,5 di premi). Il riscatto è praticamente obbligatorio. Marcos Antonio è costato 7,5 milioni (premi fino a un massimo di 2 milioni), Casale 7 (premi fino a 3 milioni), Gila 6, Provedel 2 (premi da 300 mila euro), Maximiano 10,7 milioni (e non 10,070). La commissione per Romagnoli (parametro zero) sarebbe di poco sotto al milione.

Gol e assist, le dieci migliori coppie d’attacco della Serie A
Guarda la gallery
Gol e assist, le dieci migliori coppie d’attacco della Serie A

Gli ingaggi

Si contano undici cessioni a titolo definitivo per un ricavo di «14,12 milioni ed un risparmio di retribuzioni di 10,88 milioni». Nove i giocatori ceduti a titolo temporaneo «per un risparmio di retribuzioni di 9,46 milioni». Sono le uscite più “pesanti”. I 20 milioni di ingaggi risparmiati sono un record, nelle casse però ci sono gli ingaggi degli 8 giocatori acquistati. Il taglio del monte ingaggi, tra la stagione scorsa e quella attuale, dovrebbe aggirarsi intorno ai 5 milioni. I costi legati al personale risultano 99,1 milioni di euro, 95,1 milioni per salari e stipendi (nel 2020-21 erano 135,4 milioni di cui 131,5 milioni per salari e stipendi). Il taglio di 36,4 milioni non riguarda solo gli ingaggi, anche costi gestionali, ad esempio lavori di ristrutturazione. Il fatturato è stato pari a 135,25 milioni, in calo rispetto ai 164,74 milioni dell’esercizio precedente (pesavano gli introiti Champions). Ai ricavi si aggiungono 24,9 milioni di euro di plusvalenze (quella di Correa all’Inter era pari a 19,8 milioni) e 900mila euro dalle cessioni a titolo temporaneo. I diritti televisivi hanno generato 85,6 milioni di euro (143,8 milioni nel bilancio precedente anche per lo spostamento di una quota relativa al 2019-20). Tra le voci di rilievo oneri per i servizi esterni da 22,2 milioni, contro i 16,7 milioni del 2020-21.

Il mercato degli sprechi: la classifica della Serie A
Guarda la gallery
Il mercato degli sprechi: la classifica della Serie A

Gli abbonamenti

I ricavi da abbonamento sono 10,5 milioni di euro, erano 0 nel 2020-21. Nel prossimo bilancio frutteranno gli abbonamenti sottoscritti quest’anno. L’ultima riapertura si concluderà oggi alle 12: le tessere ieri sera erano 26.005. «In Curva Nord sono rimasti solamente 34 posti. Stiamo studiando altre iniziative, la Curva Maestrelli verrà aperta per la partita con lo Spezia», ha detto Marco Canigiani del marketing. Sempre ieri la Lazio ha festeggiato i 12 anni dal primo volo di Olympia, ha parlato il falconiere Bernabè: «Oggi ha 14 anni, solitamente un’aquila vive circa 80 anni. L’Olimpico è indescrivibile».

Immobile: “Con la Lazio segniamo meno ma facciamo più punti"
Guarda il video
Immobile: “Con la Lazio segniamo meno ma facciamo più punti"


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Commenti