Corriere dello Sport

Milan

Vedi Tutte
Milan

Milan, Montella: «Donnarumma? Mai promessa la fascia»

Milan, Montella: «Donnarumma? Mai promessa la fascia»
© AP

L'allenatore rossonero replica alle dichiarazioni di Mino Raiola, procurato del portiere che ha rinnovato in estate: «Magari gli è stato detto che con il tempo potrà averla»

 

sabato 26 agosto 2017 12:59

CARNAGO (VARESE) - Il Milan non ha promesso a Gianluigi Donnarumma la fascia di capitano.

E' quanto ha voluto chiarire Vincenzo Montella replicando alle dichiarazioni di Mino Raiola, il procuratore del portiere che ha rinnovato in estate dopo una complicata trattativa. "Rispetto tutti ma si dà troppa importanza a quello che dicono gli altri - ha tagliato corto l'allenatore rossonero alla vigilia della partita contro il Cagliari -. A me la società non ha mai detto di assegnare la fascia di capitano a Donnarumma, né gli è stata promessa. Magari gli è stato detto che con il tempo potrà averla". Intanto il capitano rossonero è uno dei nuovi acquisti, Leonardo Bonucci.

CAGLIARI PERICOLOSO - "Il Cagliari è una squadra che l'anno scorso ci ha messo in difficoltà, è una squadra che viene da una sconfitta ed è quindi una partita molto molto pericolosa. Sono preparati tatticamente e hanno ottime individualità, è una partita delicata, una classica partita del campionato italiano". Vincenzo Montella mette in guardia dai facili entusiasmi, domani a San Siro arriva la formazione di Rastelli e il suo Milan deve giocare una partita all'altezza delle prime uscite stagionali. "Montolivo credo sia a disposizione, Biglia è migliorato molto e vedremo, mentre Kalinic e' obiettivamente un po' indietro, penso comunque che verrà convocato - sottolinea il tecnico rossonero in conferenza stampa -. Siamo contenti di Cutrone, ora è arrivato Kalinic, mentre Andre' Silva deve crescere molto. Non mi preoccupa il fatto di giocare a una o due punte. Da quando la panchina è a 23, qualcuno ci dovra' pure andare, bisognerà riempirla...Giocando ogni tre giorni non credo che ci sia alcun problema. E' una risorsa giocare a due punte, la squadra è sempre in divenire e poi devi fare delle scelte. La difesa a tre? L'abbiamo provata per la prima volta in Macedonia, mi sembrava la soluzione giusta anche se non c'erano tutti gli elementi a disposizione. E' da rivedere, è rimandata, non mi aspettavo di piu', come caratteristiche ci puo' stare, ma va tutto messo nell'insieme".

Articoli correlati

Commenti