Milan a Rangnick: da Mané a Firmino, è suo mezzo Liverpool

Il prossimo allenatore e manager dei rossoneri ha scovato e costruito campioni in serie e gli attuali campioni d'Europa hanno comprato le sue creazioni per creare la spina dorsale degli attuali successi
Milan a Rangnick: da Mané a Firmino, è suo mezzo Liverpool© EPA
3 min
TagsrangnickGazidisMilan

Esperienza manageriale e capacità di saper lavorare con i giovani. Sarebbero queste le caratteristiche principali della candidatura di Ralf Rangnick per la panchina del Milan. L’attuale Head of sport and development soccer del gruppo Red Bull è stato contattato da Ivan Gazidis già nei mesi scorsi, essendoci tra i due un grande rapporto di fiducia, anche se al momento non risultato contratti firmati. Dalla sede rossonera proseguono le smentite per provare a proteggere Stefano Pioli fino alla fine del campionato, ma Rangnick rappresenta una delle prime scelte per come vorrebbe impostare il lavoro al Milan. Il tedesco è abituato a lavorare con una rosa giovane e soprattutto nel corso della carriera è riuscito a portare alla ribalta diversi talenti che sono stati rivenduti a prezzi altissimi. Una politica che si adatterebbe alla perfezione alle esigenze economiche dei rossoneri, frenati dal Fair play finanziario e da un rosso in bilancio che dovrà calare ancora molto nei prossimi mesi.

Milan, da Donnarumma a Ibrahimovic: i contratti in scadenza tra il 2020 e il 2021
Guarda la gallery
Milan, da Donnarumma a Ibrahimovic: i contratti in scadenza tra il 2020 e il 2021

Le pepite di Rangnick: da Mané a Keita, c'è mezzo Liverpool

Rangnick in passato è riuscito a puntare su giocatori semisconosciuti per valorizzarli e rivenderli. Le sue intuizioni sul campo hanno fatto le fortune delle squadre in cui ha militato così Gazidis e i suoi collaboratori vorrebbero portarlo al Milan per replicareplicare le sue metodologie. Uno dei tanti giocatori scovati da Rangnick è stato Sadio Mané, preso dal Metz nel lontano 2012 per soli 4 milioni di euro quando l’allenatore era al Salisburgo. L’attuale attaccante del Liverpool quando fu venduto al Southampton fece incassare al club austriaco ben 23 milioni di euro. Il caso forse più eclatante è stato Naby Keita, attualmente ai Reds. Il giocatore guineano era stato scoperto all’Istres, squadra di seconda divisione francese. Fu pagato solamente 1,5 milioni di euro dal Salisburgo, poi ceduto in seguito al Lipsia attorno ai 30 milioni, e infine il passaggio in Inghilterra per 60 milioni. Sempre Rangnick si è reso protagonista della scoperta e della valorizzazione di Takumi Minamino, giapponese classe 1995 acquistato dal Salisburgo per solo un milione di euro dal Cerezo Osaka e venduto per 9 milioni alla squadra di Jurgen Klopp. Nell’elenco dei giocatori scovati da Rangnick va annoverato anche Roberto Firmino, che in giovane età aveva avuto esperienze alla Tombense e Figueirense in Brasile, quando fu acquistato nel 2010 dall’Hoffenheim che all’epoca era guidato da Ralf Rangnick. Dopo alcune buone stagioni in Germania il brasiliano fu venduto al Liverpool, ancora una volta, per 40 milioni di euro, facendo fruttare alla squadra tedesca una mega plusvalenza. E attualmente Timo Werner e Emil Forsberg del Lipsia, presi ancora da Rangnick, potrebbero garantire una grossa somma di denaro in casa di vendita in estate.

Leggi l'articolo completo sul Corriere dello Sport-Stadio


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Milan, i migliori video

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti