Ibrahimovic lancia la sfida alla Juve: "Scudetto? Il Milan è al top"

Lo svedese candida i rossoneri come squadra da battere: "Siamo in una forma incredibile ma ancora non abbiamo vinto nulla. Voglio continuare a giocare anche con il figlio di Daniel Maldini"
Ibrahimovic lancia la sfida alla Juve: "Scudetto? Il Milan è al top"© Getty Images

"Siamo in una forma incredibile, stiamo facendo davvero bene. Ma non abbiamo ancora vinto nulla, questo dobbiamo tenerlo bene a mente". Zlatan Ibrahimovic si racconta in un'intervista alla BBC e candida il Milan come squadra da battere nella lotta scudetto. Lo svedese è ben consapevole del momento d'oro che sta vivendo il club rossonero e si racconta, spiegando dove trova le motivazioni per continuare a giocare ad altissimo livello"Continuerò a giocare finché potrò continuare a fare quello che sto facendo ora. Devo solo mantenere una buona condizione fisica, poi il resto si risolverà da solo. Se giochi bene, se porti risultati allora sei ancora ad un livello top. Ma appena non riesci più a fare la differenza allora ci sarà qualcuno pronto a sostituirti”.

La sfida "impossibile" di Ibrahimovic

Ibra non pensa al ritiro. Del resto, la carta d’identità può dire quel che vuole ma il campo testimonia che lui fa ancora la differenza. Lo sa bene il Milan che adesso vince anche senza di lui, ma che è risalito anche grazie al suo aiuto. "La prima volta che sono venuto, il Milan era in lotta per il titolo, dopo tanti anni sono tornato per riportare la società e la squadra ai vertici del calcio. È una sfida diversa, che mi piace: quando dicono che è troppo difficile, che è quasi impossibile, è lì che mi sento vivo”.

Ibrahimovic, un "Diavolo" nella neve: si allena così
Guarda la gallery
Ibrahimovic, un "Diavolo" nella neve: si allena così

In rossonero con i Maldini

L'infortunio al ginocchio riportato a Manchester e poi l'avventura nella MLS statunitense facevano pensare a una carriera sul viale del tramonto ma il ritorno al Milan ha cambiato le carte in tavola. "Mi piace questa pressione, non voglio stare qui per quello che ho fatto in passato: sono qui per quello che faccio ora. È questa la pressione che mi metto addosso. Qualsiasi cosa abbia fatto prima non importa, ogni giorno devo dimostrare chi sono. Ecco perché ogni giorno tiro fuori il meglio da me stesso. Ho molta esperienza, non sono lo stesso giocatore di 5 o 10 anni fa, il fisico cambia. Non corro come prima, ma corro con maggiore intelligenza”. E poi il sogno: “In Italia ho giocato contro Paolo Maldini e ora sto giocando con suo figlio, Daniel. Spero di poter giocare anche con il figlio di Daniel, sarebbe un miracolo”.

Il ricordo di Rossi e gol di Hauge: il Milan vola anche in Europa
Guarda la gallery
Il ricordo di Rossi e gol di Hauge: il Milan vola anche in Europa

Milan, Napoli e Roma ai sedicesimi di Europa League: i numeri
Guarda il video
Milan, Napoli e Roma ai sedicesimi di Europa League: i numeri

Milan, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti