Milan, ottobre nero... con tanti alibi

A Oporto sono venuti fuori i limiti della squadra di Pioli, ma le attenuanti sono tante: su tutti gli infortuni a catena
Milan, ottobre nero... con tanti alibi© EPA

MILANO - Il ko con il Porto di martedì ha complicato una qualificazione agli ottavi di Champions League, già difficile di per sé visto il girone di ferro con Liverpool e Atletico Madrid, e messo a nudo i limiti della squadra di Stefano Pioli, che in passato è riuscito a rispondere "presente" alle tante assenze. E proprio queste rappresentano l'attenuante principale di una squadra che sta facendo i conti con un ottobre nero per quanto riguarda il discorso infortuni. Defezioni che si sono abbattute come una valanga sui rossoneri, togliendo dalla contesa una sfilza impressionante di protagonisti.

Milan nei guai in Champions, il Porto vince grazie a Luis Diaz
Guarda la gallery
Milan nei guai in Champions, il Porto vince grazie a Luis Diaz

Infortuni a valanga

A cominciare da Maignan, con il portiere che aveva già fatto dimenticare Donnarumma, salvo doversi operare al polso. Poi è stato il turno di Theo Hernandez e Brahim Diaz, entrambi positivi al Covid, poi la squalifica ingiusta di Kessie e l'ennesimo stop muscolare di Messias, con Ibrahimovic e Giroud tornati in campo con tanti acciacchi ancora da smaltire. Pioli ha già allontanato gli alibi, ma bisognerà comunque tenerne conto nel giudizio.

Milan, i migliori video

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti