Cessione Milan: tra Investcorp e RedBird la partita è apertissima

Il fondo del Bahrain ora deve fare i conti con la filosofia operativa di Elliott. E gli americani avanzano: «Sono entrambi candidati forti» è ciò che filtra dalla sede del club rossonero
Cessione Milan: tra Investcorp e RedBird la partita è apertissima© LAPRESSE

La trattativa per il Milan non si è arenata ma alcune certezze date frettolosamente per acquisite sono intanto evaporate. Anzitutto, la posizione di Investcorp non è così forte come alcuni elementi (l’esposizione mediatica alimentata dallo stesso fondo e la concessione del periodo di esclusiva da parte di Elliott) lasciavano supporre. Investcorp ha visionato in esclusiva i conti del Milan, ipotizzando un prezzo di 1,18 miliardi, ma tutto si è rallentato, se non arrestato. Forse per la difficoltà nel reperire velocemente le risorse necessarie, quando già si strologava su come gli arabi avrebbero gestito il club. La circostanza ha stupito molti: perché un fondo importante si espone senza preventiva copertura finanziaria? Le ragioni possono essere diverse ma occorre spiegare la differenza tra fondi come Elliott che raccolgono dagli investitori e poi scelgono le opportunità più vantaggiose e altri (come Investcorp) che si muovono cercando di volta in volta gli investitori, per ogni specifica operazione, dopo averla individuata. Un limite che può impedire di muoversi velocemente, soprattutto su un deal di dimensioni multiple rispetto a quelli tipici del fondo del Barhain. Ha certamente influito la condizione preliminare posta da Elliott, che questo giornale per primo ha spiegato il 3 maggio: si tratta solo con investitori full-equity, che non utilizzino il club per emettere debito con cui finanziare l’operazione. Perché tale condizione? Che interesse ha Elliott – si dice – a precludersi opportunità più vantaggiose, solo per proteggere un club che non sarà più suo? A dispetto della cinematografia sui fondi, o della vulgata che li ritiene cinici speculatori dediti solo al profitto, vi sono diversi tipi di fondo. Elliott è un fondo attivista, con la mission di estrarre un ritorno sul capitale dalla gestione delle aziende, di cui indirizza poi le scelte. Guadagna se riesce a imprimere miglioramenti nella performance, logica che applica quando entra (spesso in minoranza) anche in aziende di grandi dimensioni, quotate, con milioni di azionisti dove i fondi attivisti tentano di nominare propri rappresentanti nel CdA per incalzare il management, stimolare la produttività, ridurre gli sprechi. Proteggendo così anche gli interessi dei piccoli azionisti che spesso, infatti, tifano per l’ingresso dei fondi attivisti. Anzi, spesso le azioni salgono solo alla notizia dell’ingresso. Per un fondo di questo tipo, l’alleanza coi piccoli azionisti è fondamentale ma serve la reputazione di risanatori di business, capaci di migliorare i risultati, altrimenti i piccoli azionisti non si fidano. Il Milan è operazione di grande visibilità: lasciarvi macerie danneggerebbe l’immagine di Elliott perché un Milan tornato rapidamente nelle secche in cui si trovava lascerebbe il dubbio che il risanamento non fosse poi così efficace.

RedBird

RedBird troverebbe forse più rapidamente i denari per chiudere l’operazione. Specializzato negli investimenti sportivi, ha una capacità dimostrata di aggiungere valore alle aziende che gestisce in cui ama applicare competenze specialistiche sviluppate negli anni. Caratteristiche molto gradite ai piani alti di Elliott che vedono meno incertezze in RedBird e maggiori garanzie di continuare il percorso avviato nel Milan. Basarsi solo sulle dimensioni degli asset in gestione sarebbe un errore, perché gli investimenti controllati da un fondo (9 miliardi nel caso di RedBird) non misurano la capacità di attrarre nuovi capitali. Le difficoltà di Investcorp hanno alimentato qualche diffidenza anche se la situazione resta aperta, fluida e gli arabi non sono fuori dal deal. “Sono entrambi candidati forti” è il commento diplomatico che filtra dalle stanze del club rossonero anche se la decisione finale (se ci sarà) non passerà dai dirigenti del club, che assistono spettatori. L’esito migliore per i tifosi sarebbe una nuova proprietà in continuità con l’attuale e RedBird potrebbe offrire maggiori garanzie in tal senso. Sapendo che, se un deal non dovesse chiudersi, il Milan rimarrebbe in ottime mani.

Milan, i migliori video

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti