Giordano: «Caro direttore, Benitez merita il Napoli»

In quello slancio «caliente» c’è semplicemente il senso d’appartenenza verso il Napoli, Napoli e verso se stesso
Giordano: «Caro direttore, Benitez merita il Napoli»© Mosca
3 min
Antonio Giordano
ROMA - Caro Xavier (il tono confidenziale m’è concesso ed il lettore può ben capirne il motivo) il linguaggio moderno del web spinge al confronto immediato e noi del Corriere dello Sport-Stadio ci permettiamo di andare anche oltre, di manifestare la democrazia in diretta con una contrapposizione di idee che (spero) alimenti il dibattito. Ti ho letto, sono andato a rileggerti (per non vacillare dinnanzi al video del computer) soprattutto nel passaggio finale, quello nel quale ritieni che Benitez, in virtù di ciò che ha detto a Parma, non meriti Napoli, né il Napoli.

Ovviamente, non scendo in campo in veste di difensore di Benitez, il ruolo semmai spetta a lui e, conoscendolo un po’, penso non si sottrarebbe al confronto, se non fosse costretto a tacere dal silenzio stampa; ma, avendo avuto modo di chiacchierare spesso (in circa due anni) con un uomo che ha un suo profilo - alto - mi permetto di condividerne il pensiero, magari non l’espressione che in una frazione d’ira l’ha accompagnato. E’ stata, quell’esplosione, la rappresentazione di un istante ma anche la fotografia di una realtà che non può sfuggirci: sarebbe lunghissimo l’elenco delle anomalie del calcio che noi raccontiamo e che pure tu citi, ci vorrebbero pagine di web (e di cartaceo), ma in quello slancio «caliente» - dài, ognuno di noi ogni tanto ha citato Cambronne - c’è semplicemente il senso d’appartenenza verso il Napoli, Napoli e verso se stesso, c’è una forma di autodifesa (magari attraverso un linguaggio stavolta non in linea con le abitudini del personaggio) verso atteggiamenti che sfuggono alla sua cultura. Il calcio italiano ha proprio bisogno di uomini come Benitez per provare ad emergere dal caos (lo chiamo così...) in cui è piombato, ma anche degli Allegri che resistono ai pregiudizi popolari con la propria serenità, dei Pioli che procedono nel lavoro incuranti della diffidenza e scivolando laterali a qualche errore arbitrale.

Benitez ha detto ad alta voce ciò che ognuno di noi pensa se si mette a riflettere su tutto ciò che sta succedendo (non pungolarmi, sennò faccio l’elenco) ed è stato il senso della solitudine che l'ha spinto a ribellarsi (pure platealmente, come ha fatto, e secondo me sbagliando, quando contava a dita visibili i secondi persi dal Parma ad ogni rimessa dal fondo). Poi, Xavier, lo sai, nessuno è perfetto: ma ritenerlo immeritevole di noi, di quelli che sostanzialmente la pensano come lui, mi sa d’eccesso. Con il piacere di contrapporrmi ancora a te, t’abbraccio.

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti