Corriere dello Sport

Napoli

Vedi Tutte
Napoli

Napoli, guerra a Mediaset: «Giù le mani da Higuain»

Napoli, guerra a Mediaset: «Giù le mani da Higuain»
© MOSCA

Il club azzurro annuncia la rottura dei rapporti con la tv: «I nostri giocatori non rilasceranno più interviste»

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 30 marzo 2016 21:05

CASTEL VOLTURNO (Caserta) - Gonzalo Higuain non si tocca. Il Napoli, infastidito da un servizio andato in onda ieri sulle reti Mediaset, ha diramato un duro comunicato annunciando la rottura dei rapporti con la tv di Cologno Monzese rea, secondo il club azzurro, di voler destabilizzare l'ambiente. 

DE LAURENTIIS: OFFERTA DI RINNOVO A HIGUAIN 

HIGUAIN E SARRI, ECCO COSA PUO' SUCCEDERE

Ecco il comunicato integrale:

"Il Napoli è esterrefatto per il servizio di Paolo Bargiggia andato in onda su Mediaset che racconta una serie di falsità riguardanti il rapporto di lavoro tra Gonzalo Higuain e la SSCN. Un servizio privo di veridicità e confezionato senza rispettare alcuna regola giornalistica, su tutte il controllo delle fonti. Non esiste, infatti, alcuna fonte che possa confermare quello che Bargiggia dice, e cioè il falso. In particolare che Higuain ha comunicato al Napoli di non voler rinnovare il contratto, che Aurelio De Laurentiis ne ha preso atto con rammarico, che il Napoli sta già cercando un suo sostituto e che si accontenterà di una cifra nettamente inferiore alla clausola, cioè lo svenderà. Mediaset è stata un’azienda importante e rivoluzionaria nel contesto giornalistico italiano: tempi, purtroppo, lontani. Tale approssimazione obbliga, pertanto, il Napoli a interrompere, a partire da subito, i rapporti giornalistici con le reti sportive Mediaset, alle quali, perciò, i nostri tesserati non rilasceranno più interviste, nemmeno allo stadio, a prescindere da qualsiasi accordo commerciale. Il Napoli e i suoi tifosi non temono i poteri forti e chi voglia destabilizzare un ambiente carico e sereno. Pretendono rispetto. La Società Sportiva Calcio Napoli Spa si riserva ogni azione in tutte le sedi a tutela dei propri diritti". 

 

Articoli correlati

Commenti