Mertens, c'è solo l'amore per i cani dietro la sua esultanza

L'attaccante del Napoli ha spiegato il suo gesto dopo il primo gol alla Roma
Mertens, c'è solo l'amore per i cani dietro la sua esultanza

ROMA - Belga, ma innamorato di Napoli. Dries Mertens non poteva che dimostrare il suo amore per la città e per i tifosi firmando la doppietta che ha permesso alla squadra di Sarri di battere la Roma e scacciare i brutti pensieri maturati dopo la sconfitta in Coppa Italia. Più dei suoi gol a far parlare è stata oggi la sua esultanza, l'imitazione di un cane che fa la pipì. Dopo la partita è stato lo stesso Mertens a spiegare il motivo del suo gesto, postando sul proprio profilo Twitter una foto che lo ritrae con la sua Juliette, un cane appunto, mentre è a spasso per la città. Un'esultanza che ha un precedente molto lontano, citato sempre sui social dal belga: Finidi George, ex calciatore nigeriano che ai Mondiali in Usa nel 1994 esultò così dopo un gol alla Grecia.

Mertens, cucchiaio a Szczesny: poi l'esultanza da cagnolino
Guarda la gallery
Mertens, cucchiaio a Szczesny: poi l'esultanza da cagnolino

ROMA-NAPOLI, IL MATCH

VERO AMORE - Quello del belga per i cani è un amore che non nasconde: il suo profilo è pieno di foto con gli amici a quattro zampe e, in particolare, compare anche un video di un canile, nella didascalia l'esortazione ad adottare gli animali costretti, altrimenti, a vivere dietro le sbarre. Chiarezza fatta, dunque. Non c'era nessuna provocazione dietro alla sua esultanza, ma solo una gioia da condividere anche con i suoi amici fidati. 

 

 

 

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti