Napoli, Ghoulam: "Sarri? Solo un avversario. Vogliamo vincere"

Così il difensore che ha rinunciato alla Coppa d'Africa per preparare al meglio la nuova stagione: "Dobbiamo dare tutto perché la gente lo merita. Insigne e Mertens il top in Europa"

© SSC NAPOLI via Getty Images

DIMARO (Trento) - "Dobbiamo dare tutto perché la gente lo merita. Abbiamo un grande mister, la società sta crescendo tantissimo e punta a vincere qualcosa". Faouzi Ghoulam si fa portavoce delle ambizioni di un Napoli che spera di diventare qualcosa di più dell'anti-Juve. L'esterno algerino, che ha rinunciato alla Coppa d'Africa per preparare al meglio la prossima stagione dopo i tanti problemi fisici ("è stata una scelta molto difficile ma necessaria, dovevo ritrovare le mie sensazioni sia in campo che fuori"), è diventato ormai un 'senatore' nello spogliatoio azzurro. "In questi anni ho avuto come compagni giocatori molto importanti a livello caratteriale come Reina, un vero leader, che ci hanno trasmesso dei valori e ora tocca a me fare altrettanto, cercando di metterci anche del mio per far crescere la squadra e i giovani", sottolinea a Sky Sport Ghoulam, sempre più legato al Napoli perché "l'attaccamento della città a questa a maglia è qualcosa di unico, difficile da trovare altrove".

Ghoulam: "Futuro?Dobbiamo vincere"
Guarda il video
Ghoulam: "Futuro?Dobbiamo vincere"

"Sarri? Stesso discorso di Higuain"

Nella stagione che comincerà fra meno di due mesi, il Napoli avrà come avversario quel Sarri oggi alla guida della Juve. "Col mister abbiamo vissuto tre anni meravigliosi, poi è stata voltata pagina ed è arrivato Ancelotti. Sarà un avversario come gli altri, è un po' lo stesso discorso di quando Higuain è andato alla Juve. Noi guardiamo al nostro percorso e pensiamo ad andare avanti". Presi Di Lorenzo e Manolas per rinforzare la difesa, i partenopei lavorano per giocatori come James Rodriguez, Lozano e Icardi. "Abbiamo in attacco calciatori come Mertens e Insigne che sono fra i migliori in Europa - commenta Ghoulam -. Poi è la società che decide sul mercato, noi pensiamo a fare il nostro lavoro".

(In collaborazione con Italpress)

Da non perdere





Commenti