Napoli, due positivi al Coronavirus: uno è Zielinski

Arrivato il comunicato del club azzurro sull’esito dei secondi tamponi: contagiati il centrocampista polacco e il collaboratore Costi
Zielinski© FOTO MOSCA

NAPOLIDopo il sospiro di sollievo per la negatività dei primi test, in casa Napoli è arrivato l’esito dei secondi controlli: "Al termine dell’elaboraIone dei tamponi fatti ieri, sono risultati positivi al Covid-19 il calciatore Piotr Zielinski e il collaboratore (extra gruppo squadra) Giandomenico Costi" il tweet della società di De Laurentiis. Il centrocampista ha cominciato oggi il suo isolamento a casa ed è il primo calciatore positivo al Covid del Napoli dopo la partita contro il Genoa che ha poi scoperto un focolaio del virus. Zielinski ha giocato domenica 72 minuti contro i liguri segnando anche un gol ed è poi stato sostituito da Ghoulam. Nei giorni scorsi si era allenato regolarmente con i compagni senza accusare sintomi.

Genoa, positivi anche Brlek e Zajc

Napoli, sabato altro giro di tamponi

Il Napoli, che sottoporrà domani il gruppo squadra a una nuova tornata di tamponi, aveva affrontato domenica scorsa il Genoa, poi martoriato da una serie di positività (ad oggi 19, di cui 14 calciatori) al punto che la gara col Torino in programma domani è stata rinviata. La formazione di Gattuso, invece, è attesa domenica sera allo Stadium dalla Juventus: secondo la norma approvata ieri dalla Lega, che si rifà al regolamento Uefa, la società azzurra non sarebbe nelle condizioni di chiedere lo spostamento della partita.

Ecco il girone di Europa League del Napoli

Cosa provede il protocollo attuale

Il protocollo prevede che si applichi la norma Uefa, ma da adesso le società potranno - una sola volta nella stagione - giocarsi un bonus: con almeno 10 positivi nell’arco di una settimana possono chiedere il rinvio. Il Genoa lo ha già speso per la partita di sabato contro il Torino. 0-3 a tavolino invece per chi non si presenta. 

“Napoli, quattro-cinque tamponi senza esito”

"Capita frequentemente che il test non dia un risultato e quindi siamo costretti a ripeterlo. È capitato con 4-5 tamponi di quelli effettuati al gruppo-squadra del Napoli, non ricordo neanche se ci siano calciatori. Più tardi avremo il risultato, sperando che non ci siano altri inconvenienti tecnici". Così Giuseppe Portella, professore di patologia clinica alla Federico II e membro dello staff che segue i tamponi del Napoli. "Nei vari focolai c'è un primo positivo e poi gli altri. Nel calcio accade la stessa cosa. Abbiamo un gruppo ristretto in cui una positività è improbabile che resti isolata. L'abbiamo visto col Genoa e credo che accadrà anche in altri casi", ha spiegato ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli. "Facciamo gli scongiuri per il Napoli. Il fattore preoccupazione non è il solo Zielinski, che sarà isolato. Il fattore preoccupazione riguardava il fatto che sono stati tutti a contatto con una serie di infetti. Ma questi - ha aggiunto - sono i protocolli, quindi gli allenamenti sono andati avanti. La probabilità che ci saranno altri infetti nel gruppo-squadra è abbastanza elevata”.

Si lavora in vista di Juve-Napoli

Intanto prosegue la preparazione del Napoli in vista del match di domenica sera in casa della Juve. Allenamento sul campo 1 per la squadra che ha iniziato la sessione con una fase di riscaldamento su circuito, successivamente esercitazioni di passaggio e partitina a campo ridotto. Terapie per l'infortunato Insigne. Lavoro in palestra per Luperto.

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti