De Laurentiis e il retroscena su Ibrahimovic al Napoli: "Tutto fatto, poi chiamò Gattuso"

Il presidente del club partenopeo è intervenuto a Dazn sul crollo accusato dalla squadra nelle ultime giornate di campionato rivelando aneddoti su Ancelotti, Zlatan e "Ringhio"
Napoli (653 milioni di euro)© ANSA
2 min
TagsDe LaurentiisIbrahimovic

"In questo campionato il Napoli è stato come la Ferrari a Imola: siamo partiti bene, poi siamo caduti". E' un Aurelio De Laurentiis a tutto tondo, quello che appare nell'ultima intervista realizzata da Dazn.

Napoli, De Laurentiis chiede scusa ai tifosi e ufficializza un colpo
Guarda il video
Napoli, De Laurentiis chiede scusa ai tifosi e ufficializza un colpo

De Laurentiis: "Napoli come la Ferrari ad Imola. Spalletti? L'ho voluto io"

Il numero uno del club partenopeo ha naturalmente commentato il crollo della squadra di Luciano Spalletti accusato nelle ultime giornate: "Come la Ferrari a Imola, ci siamo basati sull'ottimo inizio, per poi cadere tra tra Covid, Coppa d'Africa e altre limitazioni che hanno complicato il lavoro di tutti. Problema psicologico già riscontrato in passato? Tutte c****te. Non posso pensare che esista una mosca tsé-tsé che, a un certo punto, si metta a creare problemi all'intera squadra, composta da giocatori di così alto livello. Mi sembra assurdo. Luciano Spalletti? L'ho voluto io".

De Laurentiis: "Se Spalletti vorrà andare via da Napoli? Ci daremo la mano e non succederà nulla"

Prosegue ADL: "La scelta la presi già nel gennaio 2021. Andai a Milano di nascosto a casa sua e gli feci firmare un contratto biennale co opzione per il terzo anno a mio favore, che però non voleva sottoscrivere. Dopodiché l'ho convinto: facciamo un secolo e mezzo in due... Poi, quando e se vorrà andare via ci daremo la mano e non succederà nulla".

Napoli, i possibili sostituti di Spalletti
Guarda il video
Napoli, i possibili sostituti di Spalletti

Napoli, De Laurentiis: "Ancelotti un fuoriclasse, Ibrahimovic era già nostro. Poi Gattuso..."

Quindi, le riflessioni vanno indietro nel tempo: "Carlo Ancelotti lo reputo un fuoriclasse. Che però non ha saputo farsi amare dalle curve: non hanno mai avuto la percezione che si trattasse di 'uno di noi'. Zlatan Ibrahimovic? C'era l'accordo totale tra le parti, poi c'è stato l'esonero di Ancelotti. A quel punto Rino Gattuso mi chiamò e mi disse: 'Non avevamo bisogno di Ibra, perché...'. E io mio fidai".

Napoli, cena di squadra a Pozzuoli: c'è anche De Laurentiis
Guarda la gallery
Napoli, cena di squadra a Pozzuoli: c'è anche De Laurentiis

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti