Napoli, le probabili scelte di Spalletti per l’esordio contro il Verona

La rifondazione va in scena a piccoli passi: Meret tra i pali, Zielinski con Lobotka
Napoli, le probabili scelte di Spalletti per l’esordio contro il Verona© FOTO MOSCA
3 min
Antonio Giordano
TagsnapoliVerona

INVIATO A CASTEL VOLTURNO - A leggerla così, superficialmente, sembra non si cambiato quasi niente: eppure se ne sono andati Ospina e Koulibaly, Insigne e anche Mertens, ma il Napoli del passato insiste, resiste, si prende la prima e la tiene per sé. La rifondazione va in scena ma ancora a piccoli passi e quelli che conducono in campo li hanno allungati (per ora) Kim e Kvara, il K2 ancora tutto da esplorare che sembra introdurre con leggerezza nel futuro. La formazione è un mistero però sino a un certo punto: qualcosa si può intuire, qualche altra è suggerita dalle circostanze e i dubbi, alla fine restano pochi, un paio, uno in porta e uno in mezzo al campo, come suggeriscono le circostanze di questo pazzo pazzo calcio che fischia l’inizio del campionato quando la giostra dei sogni (e degli incubi) gir a rumorosamente.

Napoli, c’è anche Ndombele in lista: ecco tutti i nomi per il centrocampo
Guarda la gallery
Napoli, c’è anche Ndombele in lista: ecco tutti i nomi per il centrocampo

Meret in porta

Alex Meret non ha ben capito cosa debba aspettarsi da questi prossimi diciotto giorni, sente nomi, vede sagome, incrocia amici venuti per stargli al fianco - sino a quando? - e comunque ha la valigia a portata di mano: con quel venticello calunnioso che il mercato lascia spifferare, bisogna aver la forza di far finta di niente, prendere la personalità e spalmarla al «Bentegodi». Spalletti deciderà nelle ore che restano al fischio d’inizio: Keylor Navas è una possibilità assai concreta, dovesse arrivare sarebbe il titolare, ma a Verona toccherà a Meret, almeno sino ad ora, che ha fatto un mese e passa di ritiro e che, dovesse complicarsi la vicenda del costaricano, sarebbe un capitale umano da tutelare, nonostante tutto quello ch’è capitato.

Navas al Napoli, c'è il sì: ora aspetta l'accordo con il Psg

Spalletti, la probabile formazione del Napoli

Le vigilie poi aiutano a capire e Spalletti avrà la possibilità di capire in albergo o nello spogliatoio come il suo portiere stia vivendo questa situazione ma pure come la stia assorbendo Fabian Ruiz, al quale è già stata sottratta l’amichevole con l’Espanyol di Castel di Sangro e che certo sarà distratto da tutto quello che gli sta capitando: il Psg si è fatto avanti (da un bel po’), Giuntoli ha preso coscienza che la trattativa può avere sviluppi comunque imprevedibili e con una tempistica che sfugge a qualsiasi previsione. Nel 4-3-3 d’apertura, con Lobotka e Anguissa ci finirà Zielinski, uno che si diverte proprio in quel ruolo lì, da mezzala di sinistra. E il nuovo Napoli in realtà sarà, dovrebbe essere comunque quello vecchio per nove-undicesimi.


Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti