Napoli ritorna allo stadio: dall’ansia al nuovo sogno

La prestazione di Verona e lo scatto della società sul mercato rilanciano l’entusiasmo in una tifoseria che sembrava aver perso fiducia dopo gli addii dei vari Insigne, Mertens e Koulibaly
Napoli ritorna allo stadio: dall’ansia al nuovo sogno© FOTO MOSCA
4 min
Fabio Tarantino

NAPOLI - I cinque gol al Verona uniti agli ultimi annunci di mercato hanno rianimato i tifosi. Da giorni è caccia al biglietto, sono esauriti i settori superiori delle due curve e dei distinti, nel dato della prevendita a tre giorni dalla sfida di domenica col Monza siamo già oltre i trentamila spettatori compresi gli abbonati (anche per la campagna i dati sono in aumento). L’entusiasmo in città è diventato contagioso, c’è grande attesa per il debutto allo stadio Maradona, nonostante l’orario (18.30) e il caldo nel pieno dell’estate i tifosi non vogliono mancare al debutto interno di Kvaratskhelia e compagni ma anche dei nuovi acquisti che, salvo sorprese, potrebbero già essere disponibili per domenica. Ci sarà, di sicuro, Simeone, che ieri ha svolto il primo allenamento al Konami Training Center di Castel Volturno. Valutazioni in corso per Demme, invece, che ha rimediato un colpo e in attesa degli esami è in dubbio.

Napoli, l’entusiasmo dei tifosi

Non è ancora possibile prevedere il “pienone”, ma tre giorni di distanza dal Monza sono un ampio intervallo di tempo per andare oltre gli attuali trentamila virtuali. Ci sarà l’atmosfera delle grandi occasioni, domenica, perché i tifosi scopriranno un altro Napoli, diverso da quello che avevano lasciato col Genoa, a cominciare da Insigne che allora fu salutato. Mancherà, ad esempio, anche Mertens, che il 15 maggio - quando al Maradona erano in cinquantamila - era ancora sospeso tra l’incertezza del rinnovo e l’addio. In città c’è grande gioia per Simeone, Ndombele, Raspadori, per un mercato entusiasmante, l’ansia per l’addio dei vari Koulibaly, Mertens e Insigne è stata cancellata dalla fiducia verso il nuovo corso. Per ora sono andati esauriti curve e distinti (la società aprirà anche i settori inferiori), ci sono ancora poche altre disponibilità per la tribuna. La previsione per domenica comprende anche gli abbonati, dall’8 agosto la vendita è libera per tutti dopo la prelazione toccata ai possessori di tessera della stagione 2019/20 e a quelli storici.

In campo

La squadra si è allenata ieri mattina, lo ha fatto sorridente e motivato Simeone che era in Campania da sabato in attesa dell’ok per unirsi ai compagni. Spalletti è pronto a blindare la formazione che ha battuto il Verona con la possibilità di avere presto a disposizione forze fresche. Demme ha rimediato un colpo al piede e sosterrà alcuni esami che stabiliranno l’entità dell’infortunio. Per domenica è ovviamente in dubbio. Ci sarà, invece, Rrahmani, diventato riferimento difensivo dopo l’addio di Koulibaly. Il difensore non si è posto limiti nella sua intervista a Kiss Kiss Napoli: «Siamo un gruppo che ha la forza per ambire a traguardi importanti. A Verona abbiamo dimostrato di avere la forza per puntare in alto. Io credo che lo scudetto sia un discorso molto equilibrato come lo scorso anno. Noi vogliamo esserci per lottare fino alla fine». Sull’addio di Koulibaly e l’arrivo di Kim: «Abbiamo perso un grande campione, ma Kim è un difensore che ha qualità ed esperienza. Anche Ostigard si è inserito benissimo. Non ci sono più in rosa campioni che hanno fatto la storia recente del Napoli, ma sta nascendo un gruppo giovane che ha qualità e tanta voglia di vincere».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti