Gollini al Napoli, cosa manca ancora per la firma

Reduce da anni difficili, il portiere è atteso oggi in città. Prenderà il posto di Sirigu
Gollini al Napoli, cosa manca ancora per la firma© Getty Images
3 min
Fabio Mandarini
TagsnapoliGollini

C'era una volta Reina, il portiere che suonava la chitarra e ballava il flamenco tra amici, e ora c'è Gollini. Pierluigi Gollini: il rapper coi guanti - come da titolo del suo primo singolo - che quando canta si fa chiamare Gollorius. Il secondo pezzo, invece, lo ha chiamato Champions Dream e racconta la scalata dalle giovanili alla grande coppa, e a questo punto va da sé che l'esperienza tinta d'azzurro, inaspettata quanto esaltante considerando le ambizioni da titolo della squadra, potrebbe anche ispirare un terzo brano. Una cosa del tipo: uno scudetto all'improvviso. Si vedrà. Fatto sta che una stagione nata bene e proseguita maluccio s'è trasformata in un'occasione pazzesca: dalla Conference alla Champions, dalla lotta per uno posto in Europa a quella per il campionato. Dalla Fiorentina al Napoli: lui arriva da Spalletti e Sirigu trasloca da Italiano. Uno scambio di prestiti, cioè la formula già approvata nell'incrocio Bereszynski-Zanoli con la Samp, e soprattutto una chance incredibile dopo le esperienze negative con il Tottenham e la Viola: sarà il vice di Meret, i giochi sono fatti, ma nel suo caso la formula dell'affare prevede anche il diritto di riscatto a 8 milioni (o giù di lì). Una storia da vivere. E poi, magari, da raccontare in rima.

Napoli, perché Spalletti 276 ha in tasca più di mezzo scudetto
Guarda il video
Napoli, perché Spalletti 276 ha in tasca più di mezzo scudetto

Gli anni difficili di Gollini

E allora, arriva Gollini: il protagonista della seconda operazione del mercato di gennaio. Un portiere di 27 anni pronto per l'uso che sostituirà Sirigu, 36 anni e neanche un minuto in questa parentesi aperta in estate. Mai una sola partita. Il suo auspicio, ovviamente, è quello di invertire il trend con la Fiorentina, una squadra in cui Gollo - come lo chiamano da sempre gli amici - ha messo insieme 9 presenze nonostante idee completamente diverse a inizio anno: 3 in campionato, l'ultima delle quali proprio contro il Napoli il 28 agosto; 5 in Conference, salvo poi saltare la sfida conclusiva della fase a gruppi; e una negli ottavi di Coppa Italia contro la Samp il 12 gennaio. In un solo concetto: a un certo punto si è ritrovato a recitare da portiere di coppa. Dieci, invece, erano stati i gettoni della scorsa stagione con il Tottenham tra la Conference e le altre coppe (mai in Premier): a Londra era andato in prestito dall'Atalanta, dove s'era creata qualche tensione, ma gli Spurs non hanno esercitato il riscatto. Anni complessi, insomma, a dispetto di un potenziale tale da aprirgli a un certo punto anche le porte della Nazionale.

Napoli, quando arriva Gollini

Il club nerazzurro è ancora il proprietario del cartellino: Napoli e Fiorentina sono d'accordo già da prima della sfida con la Juve, ma l'operazione s'è prolungata proprio per la definizione dei dettagli relativi alla formula. E dunque all'entità del riscatto. Gollini, comunque, dovrebbe arrivare in città già oggi, in serata: le visite, la firma, la prima notte azzurra e domani il primo allenamento. Meret, dopo il derby con la Salernitana, gli ha dato il benvenuto: "L'ho conosciuto bene in Nazionale: bravo ragazzo e grande portiere. Ci darà una grossa mano". Domenica con la Roma andrà in panchina.

Napoli-Fiorentina: è fatta per lo scambio Sirigu-Gollini
Guarda il video
Napoli-Fiorentina: è fatta per lo scambio Sirigu-Gollini


Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Commenti