Parma, D'Aversa: "In campo con orgoglio. Non falsiamo il torneo"

Il tecnico: "Gli infortuni hanno pesato tanto. Nicola? Un grande amico, rispetteremo l'impegno"
Parma, D'Aversa: "In campo con orgoglio. Non falsiamo il torneo"© Getty Images

PARMA - Roberto D’Aversa, allenatore del Parma, ha parlato alla vigilia della trasferta in casa del Torino, prevista per il monday night alle 20.45, a cui i gialloblù arrivano praticamente retrocessi in Serie B (manca solo l'aritmetica): "Quello che voglio è che la squadra vada in campo in maniera dignitosa e con massima responsabilità, con l'amore per i colori che indossiamo. Sicuramente domani ci rispetteremo con Nicola, e il rispetto sarà nel cercare di onorare la partita e vincere. Entrambi cercheremo di farlo, loro stanno lottando per un obiettivo per cui dobbiamo essere consapevoli che loro penseranno di trovare una squadra senza obiettivi ma noi non possiamo assolutamente permettercelo. Dobbiamo dare segnali importanti a noi stessi e non solo".

Alex Sandro si carica la Juve sulle spalle. A segno anche De Ligt
Guarda la gallery
Alex Sandro si carica la Juve sulle spalle. A segno anche De Ligt

"Gli infortuni: un problema che abbiamo da tempo"

Il tecnico, poi, è passato a parlare della situazione infortuni e di quanto abbia pesato nell'economia della stagione dei suoi: "Il problema degli infortuni ce lo portiamo avanti da molto tempo. Non siamo mai stati abituati a crearci degli alibi o a cercare scuse. Purtroppo in questo momento il reparto più falcidiato è quello avanzato. Prenderemo dei provvedimenti utilizzando dei calciatori con caratteristiche offensive come già successo in passato. Quello che conta è l’interpretazione, è il modo di andare ad affrontare la partita di domani sera. Su questo tema, quest’anno, hanno inciso anche il non aver fatto la preparazione normale, il fatto che ci sono stati tre mesi di lockdown, il numero degli infortunati è aumentato dappertutto. Ragionare, ognuno per la sua professione, su dove poter migliorare. Senza stare a discutere su metodologie d’allenamento, acquisizioni o quant’altro. Mi riferisco a tutto, perché per esempio abbiamo un nutrizionista quindi curiamo il peso, la massa muscolare, la massa magra: cerchiamo di analizzare tutto. In questo numero di infortuni sono inseriti anche calciatori, come Roberto Inglese, fermi da diverso tempo. A fine anno bisogna sempre fare delle valutazioni per fare tesoro delle esperienze passate e cercare di migliorare. Mihaila, per esempio, aveva un problema di pubalgia e se lo sta portando avanti. Poi si può discutere sul lavoro, sul valutare quando si acquista un calciatore. Queste situazioni devono servire per migliorare quest’aspetto”. 

"Con Nicola grande amicizia. Rispettiamo il Torino"

D'Aversa, infine, ha concluso parlando del suo amico Davide Nicola e del rispetto che nutre per il club granata: "La partita di domani è caricata durante la settimana. Con Nicola siamo molto amici, ci rispettiamo e lo faremo anche domani. Entrambe le squadre cercheranno di vincere la partita. Abbiamo di fronte una squadra forte, che sta lottando per un obiettivo e ha una posizione di classifica migliore della nostra. E’ una squadra che due anni fa si è qualificata per l’Europa League. Loro possono magari pensare di trovare di fronte una squadra senza obiettivi ma noi non possiamo permettercelo. Dunque dobbiamo dare segnali importanti, a noi stessi ma anche al Torino. La volontà nostra deve essere quella di andare a fare risultato, è il miglior modo di portare rispetto al Torino e a tutto il resto del campionato"

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti