Roma, Fazio ordina: «Ora andiamo a comandare»

Intervista esclusiva al difensore giallorosso: «Ci siamo ricaricati. Dobbiamo rilanciarci a San Siro, verso la Champions. Amo Roma e l'Italia, in Argentina non tornerò»
Roma, Fazio ordina: «Ora andiamo a comandare»© Bartoletti
Guido D'Ubaldo
TagsRoma

ROMA - Sorride. Ha la barba appena fatta e mostra sicurezza muovendosi a Trigoria come un perfetto padrone di casa. Non a caso lo chiamano “Il Comandante”, soprannome coniato da uno dei giovani che curano la comunicazione della Roma. Federico Fazio è uno dei senatori giallorossi, è arrivato lo scorso anno ma nello spogliatoio si fa sentire. E adesso che la Roma ha l’obbligo di ripartire dopo un periodo di flessione si assume le sue responsabilità. Domenica contro l’Inter ritrova Spalletti, non avrà riguardi, quello che conta per lui è che la Roma ritorni a vincere. Lo racconta in questa intervista esclusiva. 

Roma, Fazio legge Corrieredellosport.it
Guarda la gallery
Roma, Fazio legge Corrieredellosport.it

Come è stata la ripresa dopo la settimana di vacanza?
«Era importante riprendere dopo le vacanze che sono arrivate al momento giusto. E’ stato utile lasciare la testa libera e ricaricare energia per la seconda parte della stagione. Sappiamo che non abbiamo fatto bene soprattutto nelle ultime 4/5 partite come nei due mesi precedenti. Ma ora siamo convinti di ribaltare questa situazione».

Roma, voglia di campo: tutti al lavoro a Trigoria
Guarda la gallery
Roma, voglia di campo: tutti al lavoro a Trigoria
Ha trovato una spiegazione alla flessione della Roma?
«Non penso che sia un problema fisico, dopo la partita facciamo sempre un’analisi del nostro lavoro fisico, è sempre stato simile negli ultimi mesi. Stiamo lavorando per cercare di risolvere tutti i problemi che abbiamo incontrato, la cosa più importante è riconoscere quando le cose non vanno bene e trovare una via d’uscita».

La difesa che è stata fino alla fine del 2017 la migliore del campionato nelle ultime partita ha sempre preso gol.
«Con l’allenatore lavoriamo molto sulla fase difensiva, sin da luglio. Abbiamo provato a fare le marcature a zona e a uomo sulle palle inattive, il tecnico sceglie in base alle caratteristiche degli avversari. Sappiamo cambiare senza problemi, Di Francesco ci spiega tutto».

Quale può essere l’obiettivo della Roma a questo punto della stagione?
«Viviamo alla giornata, partita dopo partita, senza pensare alla classifica finale. Dobbiamo riconoscere che non abbiamo avuto un rendimento positivo nell’ultimo mese,ma sappiamo anche che quello che abbiamo fatto prima di dicembre è stato un gran lavoro. Dobbiamo cambiare qualcosa in questa situazione per ripartire».

Leggi l'intervista completa sul Corriere dello Sport-Stadio in edicola

Maglia Abraham: scopri l'offerta

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti