Pastore, alta tensione con Di Francesco: volano parole grosse
© Bartoletti
Roma
0

Pastore, alta tensione con Di Francesco: volano parole grosse

L’ultima volta dell'argentino era stata nel primo tempo del 7-1 di Fiorentina-Roma

ROMA - Uno sfogo dettato dalla tensione del momento. O forse il rigurgito di un malumore che sentiva addosso. Quale che sia la verità, Javier Pastore si è lasciato sfuggire un gesto di nervosismo plateale nel corso del derby, davanti alla panchina della Roma, tra microfoni e telecamere.

Roma, casting per la panchina

COLLOCAZIONE - L’episodio si è verificato intorno al 20’ del secondo tempo, quando Di Francesco ha chiesto a Pastore di accelerare la procedura di ingresso e ha ordinato la sostituzione di De Rossi. Pastore non era contento - eufemismo - perché pensava di entrare prima nella partita. E ha reagito stizzito, per non dire infuriato, alla chiamata alle armi: ha scagliato a terra la pettorina delle riserve e secondo le testimonianze avrebbe rivolto un epiteto poco gentile all’allenatore. Di Francesco non ha fatto una piega: con lo sguardo rivolto al gioco, è possibile che non si sia accorto di nulla.

Top 11 di febbraio: Dzeko e CR7 su tutti

RATIO - Sullo 0-1, l’idea era costruire un 4-2-3-1 molto offensivo, con Cristante e Pellegrini a fare da sentinelle a centrocampo, per sfruttare tutta la qualità possibile. Ma il tentativo è stato infruttuoso, sia perché Pastore dopo un paio di lampi e un gol sbagliato si è spento, sia perché la Lazio ha ricominciato a colpire in contropiede e si è definitivamente impadronita del derby.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio

Roma in partenza per Oporto: selfie dei tifosi con Totti e Zaniolo

Vedi tutte le news di Roma

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

Calciomercato in Diretta