Roma, parla Schick: «Monchi? Non ce lo aspettavamo»

L'attaccante parla sull'addio del ds e l'arrivo di Ranieri: «Ranieri sta provando a darci fiducia, è un bravo allenatore. Col Porto eliminati come col Liverpool, non ci hanno dato un rigore evidente»
Patrick Schick Altra terribile delusione. Lo credevamo (ed eravamo in folta e buona compagnia) un giocatore di livelli straordinari sul piano tecnico. Anche Giampaolo ne decantava le doti. Poi ha fatto il salto ed è caduto. Da Marassi all’Olimpico è stato come passare dal salotto di casa a una specie di prigione, il sorriso si è spento, il rendimento è crollato. Scomparso.© LAPRESSE
Jacopo Aliprandi
Tagsschickas romaMonchi

ROMA - «Siamo rimasti tutti colpiti dall'addio di Monchi, lui ci difendeva nei momenti difficili». Patrik Schick dal ritiro della sua nazionale ha raccontato la nuova Roma, quella post Porto che ha visto salutare Eusebio Di Francesco, il direttore sportivo e alcuni membri dello staff giallorosso: «Dopo l'eliminazione dalla Champions League molte cose sono cambiate, a cominciare dal tecnico. Non è mai bello quando un allenatore viene esonerato e alcune persone perdono il lavoro - ha ammesso Schick in un'intervista a Isport -. Anche Monchi se ne andato. Ranieri adesso sta cercando di creare un ambiente positivo attorno a noi e ci sta riuscendo. È un bravo tecnico ed è riuscito nel suo primo compito: ricompattare l’ambiente e darci fiducia. Sono contento per quello che ha detto su di me in conferenza stampa, io l’ho ripagato con un gol contro l’Empoli. Purtroppo abbiamo perso contro la Spal e questo ci ha complicato le cose, vedremo come si evolverà la situazione dopo la sosta». 

 

Roma, è Gasperini la scelta per la panchina
Guarda il video
Roma, è Gasperini la scelta per la panchina

Roma cambiata anche nella direzione sportiva. Al comando adesso c'è Massara dopo il passaggio di Monchi al Siviglia: «Siamo rimasti tutti colpiti dalla sua scelta, non ci aspettavamo che se ne andasse. Il direttore sportivo è sempre stato onesto con noi, ci parlava con schiettezza e ci difendeva. Siamo molto dispiaciuti che se ne sia andato. Ogni giorno era a Trigoria, e se c’era un problema potevamo parlarne con lui senza problemi». 

 STADIO ROMA, LA REAZIONE DEI TIFOSI

Schick è poi tornato sulla tanto contestata partita contro il Porto che ha sancito l'eliminazione dalla Champions e il cambio di panchina: «Un vero peccato, soprattutto per quello che abbiamo fatto la scorsa stagione quando siamo arrivati in semifinale. Volevamo passare, anche perché giocavamo contro un avversario abbordabile come il Porto. Sono molto dispiaciuto, e le cose nel club sono cambiate dopo quella partita». 

Stadio Roma, ecco la fotostory del progetto
Guarda la gallery
Stadio Roma, ecco la fotostory del progetto
 

Una partita piena di rimpianti sia per la prestazione dei giallorossi in campo, sia per un rigore negato nel secondo tempo supplementare: «Era un fallo visibile anche dalla televisione, sono dispiaciuto. Quando mi hanno atterrato ero sicuro che ci avrebbero fischiato il calcio di rigore. Ma sia io sia la squadra ancora ci chiediamo perché l’arbitro non è andato a guardare il monitor della Var. Ci hanno dato delle spiegazioni a fine partita ma siamo dispiaciuti e ancora non realizziamo il perché di quella decisione. È stata un’eliminazione simile a quella dell’anno scorso quando eravamo sotto di un gol contro il Liverpool e non ci hanno fischiato due calci di rigore. Mi dispiace per come è andata ma devo anche ammettere che il Porto ha giocato molto bene. Non abbiamo messo qualità nella gara di ritorno e i nostri avversari hanno giocato meglio». 

 

ROMA AL LAVORO PER I RINNOVI DI ZANIOLO ED EL SHAARAWY

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti