Paolo Calabresi, il figlio Arturo e quell'aneddoto su Cristiano Ronaldo

Il grande attore ci è venuto a trovare in redazione per presentare il suo nuovo film "Bentornato Presidente". Ovviamente abbiamo parlato anche di Roma e dei suoi problemi esistenziali: «Sono giallorosso ma mio figlio gioca col Bologna. Quel giorno al Dall'Ara quando la Roma sfidò Arturo passai un pomeriggio da incubo»
Paolo Calabresi, il figlio Arturo e quell'aneddoto su Cristiano Ronaldo
Simone Zizzari

ROMA - «Arturo? Al suo primo gol in serie A ero in scena a teatro e per l'emozione feci cose irrazionali, tipo accendere il cellulare davanti a tutti. La sera scrissi su Facebook una frase tipo quella dopo una calamità naturale: 'Paolo Calabresi ha confermato di stare bene"». Il grande attore ci è venuto a trovare in redazione per raccontarci (anche) la sua doppia veste di padre orgoglioso e tifoso romanista. Uno stato d'animo che riesce a tenere sotto controllo, tranne in una circostanza. «Quando si sono trovate di fronte al Dall'Ara il Bologna di mio figlio e la Roma sono andato in confusione e da allora ho cominciato un percorso di analisi». Inevitabile. Basta sentire quello che da padre ha dovuto passare quel pomeriggio. La Roma arrivava a quella sfida nel momento peggiore della sua stagione. «Arturo in campo marcava Perotti e Dzeko, e già questo da papà sarebbe bastato. Invece no. Al secondo gol di Santander, mi è partito un gesto di esultanza istintivo. In quell'esatto momento ho capito che avrei avuto bisogno di un supporto psicologico». Scherza, ovviamente. Non si sa fino a che punto.

Paolo Calabresi: «Mio figlio Arturo e quell'aneddoto su Cristiano Ronaldo»
Guarda il video
Paolo Calabresi: «Mio figlio Arturo e quell'aneddoto su Cristiano Ronaldo»

Calabresi è al cinema da oggi con la commedia Benvenuto Presidente, uno spaccato tutto da ridere della situazione politica di oggi. Paolo veste i panni di un vicepremier del Nord del partito "Precedenza Italia" che urla solo quando vede una telecamera accesa e lancia slogan del tipo «Basta con l'anticiclone africano, andasse a far caldo a casa sua», oppure: «Chi non rispetta le regole, motosega!». Dovrà trovare il modo di formare un governo con un alleato che non potrebbe essere più diverso. Insomma, i richiami alla realtà sono in ogni scena. Solo che nel film si ride decisamente di più.

Paolo Calabresi: «Lo stadio della Roma? E' anche un problema civico»
Guarda il video
Paolo Calabresi: «Lo stadio della Roma? E' anche un problema civico»

Il calcio, però, prende presto il sopravvento nella chiacchierata: «La Roma è De Rossi-dipendente? Vuol dire che dentro la squadra e nella società vivono diverse anime che non sanno andare d'accordo. La forza di una squadra la fa la compattezza. A tutti i livelli. Monchi? L'errore basilare è pensare che una persona sola possa risolvere tutti i problemi. Gli hanno dato troppe responsabilità. Ranieri è un re Mida e io spesso ripenso a quella sera di Roma-Sampdoria, quella sconfitta che ci fece perdere uno scudetto. Ti viene da pensare le cose più assurde. Solo qui accadono certe situazioni».

Bentornato Presidente, intervista a Paolo Calabresi
Guarda il video
Bentornato Presidente, intervista a Paolo Calabresi

La chiosa è su un aneddoto che lega suo figlio Arturo a Cristiano Ronaldo: «Lo ha marcato due volte. Alla fine della prima partita hanno fatto l'antidoping insieme e lui era molto incazzato per questa cosa. Gli chiese la maglia ma lui sembrava non filarselo. Poi alla fine gliel'ha lanciata. Ce l'abbiamo ancora a casa sporca e sudata. non si può lavare». 

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti