L'addio di Pallotta, il Natale della Roma

L'addio di Pallotta, il Natale della Roma© Benny Art
Ivan Zazzaroni

In otto lunghissimi anni, gli ultimi tre sfinenti, l’Elevato di Boston ha venduto tutto quello che poteva vendere e anche qualcosa di più. Da quasi 800 giorni, per scampare alla contestazione dei tifosi, evita di farsi vedere nella Capitale: precisamente da giugno 2018 l’Italia per lui finisce in Toscana. L’Elevato ha creato la Roma a tre teste, una mostruosità: una a Boston, la seconda a Londra (o a Città del Capo), la terza - schiacciata dalle prime due - a Trigoria (poi all’Eur). Si è fidato a giorni alterni di un solo uomo, Franco Baldini, che avendo capito l’antifona da qualche anno agiva nell’ombra. Meglio, nella penombra. I tanti personaggi che l’Elevato stipendiava erano i suoi burattini, li muoveva, agitava, spostava, sospendeva a seconda dell’umore e dei risultati del momento. 

Roma ko contro il Siviglia, la delusione di Dzeko
Guarda la gallery
Roma ko contro il Siviglia, la delusione di Dzeko

Una volta mollato da Walter Sabatini, ha autorizzato il progressivo depauperamento tecnico della squadra: auto(di)gestione. Ha anche accumulato una montagna di debiti, sfiorando i 300 milioni. Con la stampa libera ha avuto rapporti che variavano tra il pessimo e il disastroso. Social addicted maldestro e muscolare, alla Trump, il Nostro ha un modo tutto suo di comunicare con i cronisti: bullshit, fake news, we’ll bury you (vi seppelliremo) gli sms più affettuosi. L’avrei mandato volentieri a lezione di comportamento da Galliani e Moratti. Naturalmente alcuni suoi dipendenti, più realisti del re, hanno fatto a gara per peggiorare le cose e il clima. Soltanto Umberto Gandini, attuale presidente della Lega Basket e per oltre vent’anni vice di Galliani nel Milan stellare, ha provato a ricucire con il mondo: segato nel giro di un anno da chi, per rappresentare la Roma, venderebbe anche la madre. 

James Pallotta, 62 anni, americano - di italiano ha la superficialità e l’irritabilità - si è finalmente arreso a se stesso e all’evidenza. Scendendo al suo livello, potrei scrivere che si è tolto dalle palle.  E allora che suonino a festa le campane romaniste. 

Dieci mesi, tra raffreddamenti, pandemia e ripensamenti, è durata l’agonia del passaggio di proprietà, poco meno del parto di un’asina. Nella notte tra mercoledì 6 e giovedi 7 un sms di non vi dico chi (mi) ha annunciato la liberazione. In quarant’anni non avevo mai assistito a un delirio presidenziale del genere. Pallotta aveva preso la Roma solo per business e non è mai riuscito a farsi amare dalla tifoseria che l’ha “sgamato”. 

Archiviato l’Elevato, do (diamo) un entusiastico benvenuto a Dan Friedkin e a suo figlio Ryan che a dicembre aveva preso casa nella Capitale per respirare la città. Un primo passo avanti rispetto a Pallotta.

I caratteri dell’operazione, i progetti del texano e le reazioni della tifoseria li potete trovare all’interno. Oggi i romanisti possono festeggiare il Natale della Roma.

Fonseca: "Il responsabile di questa sconfitta sono io"
Guarda il video
Fonseca: "Il responsabile di questa sconfitta sono io"

MisterCalcioCup “Torneo a Gironi”, crea la tua squadra ora

Corriere dello Sport in abbonamento

Riparte la Serie A

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Approfitta dell'offerta a soli 0.22 euro al giorno!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti