Roma, Cicinho: "Heinze è matto, non voleva più Totti come capitano!"

L'ex terzino parla dell'argentino, compagno di squadra in giallorosso: "A Roma non era ben visto dagli italiani, dai brasiliani e anche da qualche suo connazionale"
Roma, Cicinho: "Heinze è matto, non voleva più Totti come capitano!"

ROMA - Cicinho, ex terzino del Real Madrid e della Roma ha raccontato un aneddoto di quando vestivaa la maglia giallorossa, dal 2007 al 2011. Il protagonista del racconto non è lui bensì il suo ex compagni di squadra Gabriel Heinze, ora diventato allenatore e accostato al club brasiliano del Palmeiras: “Lui è matto – le parole di Cicinho ai microfoni di ArenaSBT – A Roma, dopo un mese, diceva che Totti non doveva più essere capitano. E dopo che lo ha detto ha giocato solo due volte. A Roma non potevi parlare così di Totti. Se approda al Palmeiras, dopo poco tempo litigherà con Felipe Melo, ve lo assicuro. A Roma, come giocatore, non era ben visto né dagli italiani e né i brasiliani e qualche argentino, tipo Osvaldo, aveva qualche remora nei suoi confronti. Non so come allenatore come potrebbe essere”.

Mkhitaryan sbatte contro la traversa: solo 0-0 tra Roma e Cska Sofia
Guarda la gallery
Mkhitaryan sbatte contro la traversa: solo 0-0 tra Roma e Cska Sofia

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti