Roma, la lista di Mourinho: da De Gea a... De Rossi. Cosa succederà 

Questione staff: arriveranno i quattro collaboratori dal Tottenham, da decidere il preparatore dei numeri uno. In ascesa Samuel, più difficile l'ex capitano
Roma, la lista di Mourinho: da De Gea a... De Rossi. Cosa succederà © EPA
TagsMourinhoDe GeaDaniele De Rossi

Lo staff è quasi pronto. Josè Mourinho ha chiesto alla Roma di poter portare l’intero gruppo di collaboratori che aveva al Tottenham. Si tratta del vice Joao Sacramento, che ha lasciato il Lilla per raggiungerlo a Londra, dello scout Ricardo Formosinho, che invece ha lavorato con Mou anche in altri club, del preparatore atletico Carlos Lalin, un altro fedelissimo, e del video analyst romano e romanista Giovanni Cerra. In discussione c’è solo una figura, quella dell’allenatore dei portieri Nuno Santos. Mourinho si sta confrontando con Tiago Pinto, che non ha rinnovato il contratto dello specialista della società Marco Savorani, molto apprezzato da Fonseca ma vicino all’addio da mesi. Quanto alle integrazioni, Mourinho ama inserire nello staff un elemento che conosca bene il club in cui arriva. Per questo il pensiero è andato a Daniele De Rossi, che però al momento è impegnato con la Nazionale e non infiamma i Friedkin. Una possibilità resta Walter Samuel, collaboratore del ct Scaloni nella nazionale argentina. Si aspettano sviluppi, che potrebbero però non essere immediati.

Mourinho, le 10 frasi più famose: da "Special One" a "Zeru tituli"
Guarda la gallery
Mourinho, le 10 frasi più famose: da "Special One" a "Zeru tituli"

La priorità è il portiere: si pensa a De Gea

Nelle prossime settimane intanto, anche osservando le cinque partite che restano alla Roma di Fonseca, Mourinho comincerà a capire dove e come intervenire sull’organico. Nei colloqui in portoghese con Tiago Pinto è emersa una necessità impellente, l’acquisto di un portiere. Uno dei profili che piacciono è quello di David De Gea, che stasera sarà all’Olimpico come avversario con il Manchester United e che con Mourinho era titolare fi so. Ma bisogna capire prima se l’operazione sia fattibile. In ogni caso la Roma, dopo aver liquidato Mirante, spera di trovare una sistemazione sia a Pau Lopez, che deve operarsi a una spalla e ha deluso nel suo biennio, che allo svedese Olsen, che tornerà verosimilmente dal prestito all’Everton. Nessuno dei due va bene per Mourinho. Che comunque non pretenderà acquisti roboanti, in linea con quanto era accaduto al Tottenham dove ha avuto solo due giocatori in prestito (Jedson Fernandes e Vinicius). Vorrà però giocatori funzionali alla squadra che ha in testa.

Roma, le altre idee di Mourinho

Il resto, a partire dalla situazione di Edin Dzeko che era praticamente fuori fino a due giorni fa, verrà piano piano, attraverso colloqui individuali che Mourinho intende organizzare per rendersi conto di cosa abbia portato la Roma così lontana dall’alta classifica. [...] Un occhio interessato controllerà anche i giocatori che tornano dai prestiti. Florenzi, se il Psg non lo riscatta, sarebbe un rinforzo gradito. Ma anche su due giovani come Ünder e Kluivert, destinati a tornare a Trigoria, Mourinho potrebbe lavorare. 

Mourinho alla Roma: scopri tutte le notizie

Mourinho alla Roma: l’annuncio visto dai social
Guarda la gallery
Mourinho alla Roma: l’annuncio visto dai social

MisterCalcioCup “Torneo a Gironi”, crea la tua squadra ora

Corriere dello Sport in abbonamento

Riparte la Serie A

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Approfitta dell'offerta a soli 0.22 euro al giorno!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti