Roma, Spinazzola ottimista sul rientro: "In gruppo a novembre"

Il giocatore giallorosso si è aperto alla trasmissione "Ti Sento" parlando anche del brutto infortunio agli Europei: "Non me lo aspettavo"
Roma, Spinazzola ottimista sul rientro: "In gruppo a novembre"© ANSA
TagsRomaspinazzola

ROMA - La Roma di Josè Mourinho vola a punteggio pieno in campionato e spera di riavere presto a disposizione Leonardo Spinazzola. Il giocatore è stato ospite della trasmissione "Ti Sento" in onda su Rai 2 dove si è aperto in merito al brutto infortunio che lo mise ko durante gli ultimi Europei: "Non me lo aspettavo, anche perché stavo da Dio, stavo proprio da Dio, volavo: mi sentivo volare in campo - aggiunge - Quando rientro? Io ho detto a fine novembre rientro in squadra in gruppo, questo non significa giocare nella partita ma che rientro in gruppo che respiro la squadra. È già una grande cosa! É una cosa mia, è una scaletta mentale, l'equilibrio! È quello, perché io tutti i giorni punto quel giorno".

Spinazzola: "Mancini mi vuole bene"

Tra le persone che hanno supportato il giocatore giallorosso la figura del Ct Roberto Mancini è stata tra le più importanti: "Penso che lui me ne voglia tanto, di bene...mi stuzzicava sempre - non fare questo non fare quello. È un bene quando un mister, quando una persona ti sta sempre addosso, significa che prova qualcosa no? E quello me l'ha fatto sempre capire ma anche prima dell'Europeo. Io mi sono sempre sentito parte di quella squadra e mi sono sempre sentito la stima che il mister aveva nei miei confronti".

Mancini e il video messaggio a Spinazzola. Il terzino: “Mi vuole tanto bene”
Guarda il video
Mancini e il video messaggio a Spinazzola. Il terzino: “Mi vuole tanto bene”

Spinazzola: "Bullizzato da piccolo"

Infine Spinazzola si è lasciato andare ad uno spiacevole ricordo d'infanzia, il bullismo: "Mi portavano un pochino in giro perché mi dicevano castoro perché avevo i denti grandi all'infuori. Ero alle medie avevo 12, poi fino anche 14 anni, anche in convitto o simili. 'Siamo tre papà castoro' mi cantavano quello! Eh sì m'arrabbiavo, però dopo crescendo penso che è la cosa più bella che ho questo sorriso - aggiunge - ai ragazzi che non sanno difendersi dal bullismo dico che sono migliori di loro senza dubbio. Perché chi parla tanto degli altri non è molto sicuro di sé stesso penso".

Spinazzola e il bullismo: “Mi chiamavano castoro. Ma il sorriso è la cosa più bella”
Guarda il video
Spinazzola e il bullismo: “Mi chiamavano castoro. Ma il sorriso è la cosa più bella”

CorrieredelloSport.fun, gioca gratis, fai il tuo pronostico e vinci!

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti