Budapest pronta per la finale: alle 16 arriva la Roma, cosa succede oggi VIDEO

Ieri sera è spuntata la gigantografia della coppa: alle 12.15 sbarca il Siviglia, quattro ore dopo tocca a Mourinho e ai giocatori
3 min
Dall'inviata a Budapest Chiara Zucchelli

Finalmente Budapest si è svegliata. Dopo i due giorni di festa per la Pentecoste stamattina la capitale dell'Ungheria si è rimessa a nuovo per la finale di Europa League. Oggi arrivano le squadre: alle 12.15 sbarca il Siviglia, alle 16 la Roma. Terminal 1 dell'aeroporto, tutto è pronto. Ed è comparsa anche la coppa: una gigantografia dell'Europa League, stanotte, è stata montata nella piazza che ospita la chiesa di Mattia, nella parte più antica di Budapest.

Finale di Europa League, il programma della Roma della vigilia a Budapest

La Roma arriverà a Budapest alle 16: con il gruppo tutti i giocatori, infortunati compresi. La delegazione giallorossa sarà composta da circa 70 persone. Ieri sera serata libera per i giocatori: oggi allenamento, poi la squadra pranzerà nel centro sportivo e alle 15 decollerà da Fiumicino con un charter per Budapest. Alloggerà all’hotel Hilton a due passi dalla riva del Danubio, ma all’atterraggio sarà accompagnata direttamente alla Puskas Arena dove i calciatori faranno il walk-around per le telecamere, mentre Mancini e Pellegrini terranno la conferenza stampa. La scelta non è casuale, ma anche un po' scaramantica perché capitano e vice capitano avevano parlato anche alla vigilia della finale di Tirana. Davanti ai microfoni si presenterà ovviamente José Mourinho, il più atteso. Poi, cena in albergo e chi riuscirà proverà a dormire.

Finale di Europa League, il programma del Siviglia della vigilia a Budapest

Questo, invece, il programma del Siviglia: la squadra spagnola arriverà oggi alle 12.15 in Ungheria, poi andrà all’Hotel Corinthia, sede del ritiro. Dopo le 18 è in programma la conferenza, poi l’allenamento aperto direttamente sul terreno della Puskas Arena. Monchi e il club offriranno, mercoledì, il pranzo alla stampa al seguito della squadra (era un'abitudine che il manager spagnolo aveva portato anche a Roma) e poi trascorreranno persino un po’ di tempo con le famiglie. Niente vigilia blindata, niente pressione ai livelli massimi quindi, d’altronde il Siviglia è più abituato della Roma a questo tipo di partite e le vive con una leggerezza diversa.  La squadra spagnola giocherà con una patch speciale che ricorda le sei Europa League vinte fino a questo momento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti