Roma, Mourinho: "Finale? Nessuno avrebbe scommesso su di noi"

Intervistato ai canali ufficiali dell'Uefa, il tecnico portoghese presenta l'ultimo atto dell'Europa League contro il Siviglia: "La storia non scende in campo"
Roma, Mourinho: "Finale? Nessuno avrebbe scommesso su di noi"© AS Roma via Getty Images
4 min

ROMA - "La storia non fa vincere le partite. Guardi le finali del Real Madrid e pensi che il Real Madrid vinca tutte le finali. Guardi il Siviglia e dici che il Siviglia vince tutte le finali. Ma in realtà la storia non vince le partite". Così José Mourinho presenta ai canali ufficiali dell'Uefa la finale di Europa League tra la sua Roma e il Siviglia, sei volte campione nel secondo torneo continentale per club. "La superstizione è qualcosa che non mi piace, quindi non considero la superstizione nemmeno come un fattore. Questa è una nuova finale. È una nuova storia. Loro hanno esperienza perché ne hanno vissute tante, ma anche noi ne abbiamo dato che l'anno scorso ne abbiamo giocato una. Quindi nessun problema, voglio solo giocare la partita", sottolinea lo Special One.

Mourinho: "Passato? Penso solo alla finale di Budapest"

Sono passati 20 anni dal primo successo continentale di Mourinho: alla guida del Porto, lo Special One vinse la Coppa Uefa del 2003 proprio a Siviglia contro il Celtic. "Non penso troppo a quello che è successo prima. Quello che è successo, è successo. La storia non si può cancellare. Anche i momenti difficili e le relative emozioni non si dimenticano, ma ci si abitua a conviverci. E io guardo sempre avanti. Essendo nel calcio da tanti anni - afferma Mourinho - forse è questo il mio segreto e la mia filosofia; ecco perché questo finale per me è una nuova finale. Non penso al Porto del 2003, a Siviglia dove ho vinto quel trofeo, non penso alla Roma della scorsa stagione. Penso solo a questa finale. Sono fatto così. Poi si toglie qualche sassolino dalle scarpe: "Sono nel calcio da molti anni. Forse la gente pensa che io sia più vecchio di quello che sono. Forse guardano i miei capelli bianchi e pensano che io sia davvero vecchio, ma non abbastanza da pensare di chiudere il cerchio. No, no, no. Mi avrete ancora per molti anni".

Mourinho elogia Mendilibar: "Ha fatto un lavoro straordinario"

Il tecnico portoghese elogia l'allenatore del Siviglia José Luis Mendilibar - "Sono felice per lui, lo conosco da molti, molti, molti anni" - riconoscendo la rinascita degli andalusi sotto la sua gestione: "Conosco il suo lavoro, conosco le sue qualità, quindi quanto è bravo, quindi quanto è preparato e non ha mai avuto la possibilità di andare in un club che lotta per trofei importanti. Quando ha ottenuto l'incarico al Siviglia, ha fatto un lavoro straordinario. Ha trasformato totalmente la squadra; una squadra che era in difficoltà in campionato, una squadra che era uscita dalla Champions League, e ha costruito una squadra con le sue conoscenze, con la sua esperienza. Sarò più che felice di abbracciarlo prima e dopo la finale".

Mourinho: "Nessuno si aspettava la Roma in finale"

In caso di trionfo a Budapest, Mourinho potrebbe diventare il primo allenatore a vincere l'Europa League con tre squadre diverse ma il portoghese glissa: "Non mi interessa. Lavoriamo per i tifosi. In questo momento della mia carriera, penso alla felicità che possiamo regalare a tutte queste persone. Arrivare a questa finale è un qualcosa che nessuno si sarebbe aspettato all'inizio della stagione, vista l'incredibile qualità delle squadre in Europa League. Barcellona e Arsenal hanno partecipato a questa competizione e sono stati eliminati molto, molto presto. Per la Roma essere in questo finale significa molto. Cerchiamo quindi adesso di dare ai tifosi la gioia finale".


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti