Ponte Morandi, D'Aversa depone 43 rose bianche: "Vicini a chi soffre"

Il tecnico della Sampdoria sul luogo della tragedia che tre anni fa sconvolse l'Italia: "Un pensiero per gli angeli che sono andati via"
Ponte Morandi, D'Aversa depone 43 rose bianche: "Vicini a chi soffre"

GENOVA - A tre anni dal crollo del ponte Morandi, che causò 43 morti e 11 feriti, l'allenatore della Sampdoria Roberto D'Aversa ha deposto un mazzo di 43 rose bianche per commemorare le vittime della tragedia. " È un pensiero per i deceduti, le famiglie e le persone che sono sopravvissute", ha dichiarato il tecnico blucerchiato ai microfoni di Sky Tg24.

D'Aversa: "Ricorderemo le vittime della tragedia"

D'Aversa ha promesso che il club doriano sarà protagonista di altre iniziative. "Sono venuto qui a rappresentare tutta la società, la squadra. Durante l'allenamento, nell'orario in cui è successa questa tragedia, ci si fermerà un minuto per dare un pensiero a queste vittime, a questi angeli che se ne sono andati via in una circostanza crudele. E' il minimo", ha dichiarato. Il 22 aprile 2021 la procura di Genova ha chiuso le indagini. Ora si attende l'esito del processo. "Bisogna garantire giustizia e ridare speranza" il commento del comitato Ricordo Vittime.

I tweet di Sampdoria e Genoa

'Never Forget', mai dimenticare è invece quello che ha scritto sui propri profili social la Sampdoria: "Un pensiero per le vittime e per tutte le famiglie coinvolte in questo dramma - 'twitta' il club blucerchiato - a nome del presidente, della società e della squadra". A corredo del post una foto in cui si vede appunto il tecnico D'Aversa che depone le rose in memoria della tragedia. "La storia siamo noi, per rinascere non bisogna mai dimenticare" è invece il tweet del Genoa, che posta sui suoi profili una suggestiva immagine del ponte illuminato con delle luci tricolori..

Samp, i migliori video

Approfitta del Black Friday!

L'edizione digitale con un maxi-sconto

Approfitta dell'offerta a soli 59,99€ per un anno!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti