De Zerbi: Locatelli, Ferrari e Muldur fuori anche con l'Inter

Le parole del tecnico del Sassuolo: "L'obiettivo è fare una grande partita: vuol dire uscire con i punti da San Siro"
De Zerbi: Locatelli, Ferrari e Muldur fuori anche con l'Inter© ANSA

SASSUOLO - Dalla sede degli allenamenti del Sassuolo, Roberto De Zerbi ha cercato di analizzare in maniera totale la difficile sfida che attende i suoi mercoledì sera alle 18,45, quando scenderanno in campo a Milano per fronteggiare l'Inter capolista al netto di un'emergenza quasi totale e un bisogno di punti importante per cercare di certificare il prima possibile il raggiungimento di zone tranquille della classifica.

Emergenza totale e difficoltà di gestione

"Gli esclusI? Noi abbiamo fatto una scelta senza sapere se qualcun altro potesse accordarsi; domani continueremo su questa linea: Locatelli, Muldur, Ferrari non ci saranno contro l'Inter, rientreranno quando scadranno i giorni necessari per poterli reintegrare, visto che sono negativi e potrebbero giocare ma abbiamo fatto una scelta e continuiamo dunque su di essa. Non recuperiamo nessuno rispetto alla gara con la Roma: Bourabia non sarà disponibile, fuori ancora Caputo, Defrel, Berardi, Ayhan che è ancora positivo. Chi ha giocato con la Roma ha fatto una buona partita e potremmo cambiare qualcosa: chiaramente tutti gli altri da Kyriakopoulos, Magnanelli, Haraslin, Peluso e qualche altro ragazzino in panchina sono tutti nella mia testa. Sia con il Napoli all'andata sia con la Roma al ritorno ci mancavano tanti giocatori: come qualità di gioco sono simili ma quello che le rende più vicine è stato l'atteggiamento. Non è detto che una squadra rimaneggiata sia inferiore, nella difficoltà si dà qualcosa in più mentalmente, di anima, di cuore, di spirito e quando dai qualcosa in più riesci a fare una prestazione migliore".

La magia di Boga e Raspadori stendono il Genoa. Tre punti per De Zerbi
Guarda la gallery
La magia di Boga e Raspadori stendono il Genoa. Tre punti per De Zerbi

Come si affronta l'Inter

"L'Inter è prima con merito ma noi cerchiamo di essere solo noi stessi. Loro non hanno debolezze ma nel calcio dire cosa conterà di più fra fase offensiva o difensiva è riduttivo: nel calcio conta tutto, difendersi bene ma anche attaccare bene; dobbiamo trovare l'equilibrio giusto. L'obiettivo è fare una grande partita e uscire con punti da San Siro: andiamo in uno stadio importante, contro i primi in classifica, ma per fare bella figura e andar via con dei punti".

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti