Spezia, Italiano dopo la Juve: "Risultato troppo severo, sono arrabbiato"

Il tecnico aquilotto: "Non dovevamo perdere 3-0, ma tenere in vita la partita. A Pirlo auguro il meglio"
Spezia, Italiano dopo la Juve: "Risultato troppo severo, sono arrabbiato"© Getty Images
Tagsitaliano

TORINO - A Sky Sport, il tecnico dello Spezia Vincenzo Italiano ha detto la sua sul ko esterno contro la Juventus: "Non ci possiamo permettere di concedere mezza palla gol a Ronaldo. Secondo la mia opinione, abbiamo fatto una grandissima prestazione. Il risultato è troppo severo. Altre battaglie ci attendono, ma sono arrabbiato perché bisognava mantenere in vita la gara e non perdere 3-0. Non si può lasciare Torino con un passivo così dopo una prestazione del genere. Però l’inesperienza ha pesato, è il nostro primo anno in Serie A"

Morata, Chiesa e Ronaldo: la Juve è ancora viva
Guarda la gallery
Morata, Chiesa e Ronaldo: la Juve è ancora viva

"Devo essere felice per quanto visto oggi"

Italiano parla poi del suo rivale Andrea Pirlo: "Gli auguro il meglio. Ha già vinto un trofeo, spero ne vinca altri". E di nuovo sulla gara: "Siamo arrivati spesso negli ultimi 16 metri, ma non abbiamo affondato il colpo. Non è semplice quando subisci gol, anche perché poi subentra la stanchezza. Io devo essere felice per quanto visto oggi e fiducioso per il resto del torneo. In queste tredici partite, la nostra personalità deve cambiare. Se ci fossimo abbassati di più, sarebbe finita con 8 gol di scarto. Non è la prima volta che prendiamo gol sul primo palo. Dobbiamo lavorarci di più. Pensiamo a fare la prestazione nelle partite che verranno, senza pressione”.

La Juventus cala il tris. Lazio-Torino non si è giocata
Guarda il video
La Juventus cala il tris. Lazio-Torino non si è giocata

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti