Spezia, Motta: "Dobbiamo essere continui nel costruire gioco"

Il tecnico dopo la sconfitta con il Milan: "La tendenza è abbassarsi dopo i gol fatti. Invece quello è il momento di attaccare"
Spezia, Motta: "Dobbiamo essere continui nel costruire gioco"© LAPRESSE

LA SPEZIA - Tre giorni dopo il problema non è stato risolto. Contro il Milan lo Spezia ha trovato il gol e poi si è abbassato, un atteggiamento totalmente contrario alle indicazioni di mister Thiago Motta: "È una questione psicologica - ha affermato il tecnico ai microfoni di Dazn -. La tendenza è quella di abbassarsi per tenere il risultato, invece dopo il gol del pareggio dovevamo andare avanti e fare la nostra partita, perché il Milan ci lasciava degli spazi. Dobbiamo essere più continui nel nostro atteggiamento propositivo perché il risultato conta. Dobbiamo avere bene chiaro in mente il perché siamo arrivati al pareggio: non dovevamo cambiare l'atteggiamento che ci aveva portati fin lì, ma continuare ad avere la testa libera per giocare come stavamo facendo".

Milan, 2-1 allo Spezia: gol storico al debutto da titolare per Daniel Maldini!
Guarda la gallery
Milan, 2-1 allo Spezia: gol storico al debutto da titolare per Daniel Maldini!

"Unico modo per fare punti"

Un discorso certamente interessante, visto che non arriva dal tecnico di una grande, ma di una squadra che punta alla salvezza. Ma per Motta non è una differenza che fa testo: "Per arrivare al risultato non serve solo difendersi - assicura il tecnico dello Spezia - il lancio lungo ogni tanto ci sta, ma la costruzione dal basso a cui ci ha costretto spesso il Milan dobbiamo abituarci a farla più spesso. Anche le grandi squadre hanno difficoltà nella fase di transizione difensiva: i loro grandi giocatori non sono abituati a difendere, dobbiamo sfruttare questi dettagli. Solo giocando così si fanno punti, risultati e buone prestazioni: è l’unico modo che conosco".

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti