Torino, Giampaolo: "Abbiamo perso il derby per colpa di dettagli"

L'allenatore punta l'Udinese: "C'è bisogno di responsabilità e appartenenza, non perdiamo il lume della ragione. Segre? Ha sbagliato, ma imparerà dai suoi errori: non crocifiggiamolo"
Torino, Giampaolo: "Abbiamo perso il derby per colpa di dettagli"© ANSA
TagsSerie ATorinoUdinese

TORINO - Intervistato da Torino Channel, il tecnico granata Marco Giampaolo analizza la partita di domani contro l'Udinese, primo impegno dei suoi dopo il derby della Mola perso contro la Juventus: “Sarà un match difficile, loro sono compatti e vengono da un buon momento: hanno ottenuto punti importanti, ma noi ora non possiamo guardare in faccia l’avversario. Con i calciatori non si deve bluffare, ma dire le cose come stanno e analizzare bene la situazione e le prestazioni. Io vado a guardare l’ultima partita e la valuto nel complesso. Poi i gol cambiano gli equilibri e i giudizi, c’è da fare una presa di coscienza e lavorare tanto e parlare poco, abbassando la testa. Non si vive di giustificazioni, ma di fatti. Ed è ciò che chiedo a loro. Ma sono allineato e coperto”. Il patron Cairo ha pubblicamente rinnovato la fiducia verso l'allenatore marchigiano: “La sua stima mi fa piacere, ma mi rendo conto che non è sufficiente, perché servono risultati. E non sono sufficienti nemmeno le prestazioni. I gol presi sono una responsabilità mia: martedì mattina abbiamo fatto un’ora di lavoro su ciò che ci ha portato a prendere due gol-fotocopia”.

Juve, la festa di Ronaldo e compagni sui social: "Il derby è bianconero"
Guarda la gallery
Juve, la festa di Ronaldo e compagni sui social: "Il derby è bianconero"

Giampaolo si sofferma ancora sul derby: “Abbiamo perso per dettagli, penso anche al valore della Juve. Ma loro il primo tiro lo hanno fatto nel primo tempo, poi solo la deviazione di Lyanco e dopo i due gol. I tanti cambi in difesa? Posso dire che a Milano avevo scelto Bremer come terzo a sinistra perché il confronto era con Lukaku. Contro la Samp, quando giocavano Quagliarella e una seconda punta, ho scelto Rodriguez. Con la Juve senza Morata, ho optato per due palleggiatori come Lyanco e Rodriguez. Le scelte le faccio in base alla partita e in funzione alla partita. Se tornerò al 4-3-1-2? Domanda trabocchetto, vedremo domani”.

"Momento più difficile della mia carriera? Ne ho vissuti tanti e li vivrò in futuro. Non è questa la mia cartina tornasole, il mio riferimento sono i calciatori". Chiusura su Segre e il caso generato dalla sua foto della maglia di Dybala: “Ha sbagliato, commettendo un’ingenuità. Ci ho parlato, dovrà imparare dai suoi errori, ma è un ragazzo sano, lo garantisco: ma non bisogna crocifiggerlo. La contestazione deriva da una mancanza di risultati, ed è la stessa insoddisfazione che abbiamo noi. Non dormo sereno, ma dedico il tempo al Toro: mattina e sera, mattina e sera. Il sento di appartenenza è un altro aspetto che il calciatore deve percepire sotto pelle e con cui svegliarsi la mattina. Ora l’obiettivo è l’Udinese, e mi auguro che giocheremo senza esasperazione né nervosismo. Serve responsabilità e appartenenza, e non bisogna perdere il lume della ragione. La classifica è bugiarda per i nostri valori, crediamo di poterne uscire”.

SEGUI LIVE TORINO-UDINESE

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti