Frosinone, Stirpe: "Grosso non si muove. Rimane qui"

Il presidente: "Play-off mancati? Non volevamo andare in A, ma salvarci con dignità. La stagione è positiva, chiusa con rammarico, ma non con delusione"
Frosinone, Stirpe: "Grosso non si muove. Rimane qui"© LAPRESSE

FROSINONE - "Per noi la stagione per noi si è chiusa prematuramente, c'erano le condizioni per stare tra le prime otto. Infortuni imprevedibili hanno afflitto la nostra rosa e un po' di stanchezza hanno influito sul rendimento finale. Nel girone d'andata tanti pareggi, mentre nel girone di ritorno c'è stato un andamento più netto. Siamo arrivati con il fiato un po' corto e gli infortuni hanno svolto un ruolo decisivo. Avevamo chiesto a Fabio Grosso di farci rinnamorare del calcio, con un gioco aggressivo e non condizionato dal risultato. Gli obiettivi sono stati raggiunti. Non volevamo andare in A, volevamo salvarci con dignità". Lo ha detto il presidente del Frosinone, Maurizio Stirpe, parlando in conferenza stampa dopo la conclusione del campionato di serie B con la squadra di Grosso esclusa dai playoff. Stirpe si è dichiarato soddisfatto del lavoro del tecnico, campione del mondo con gli azzurri a Berlino 2006. "E' sotto contratto con noi - ha sottolineato -, la sua permanenza qui non è in discussione". E ha proseguito così: "Siamo partiti con un grosso progetto di rinnovamento - ha aggiunto il patron del Frosinone -, l'obiettivo era di ottenere una salvezza tranquilla ed è stato raggiunto con successo. Il fatto di non aver centrato i playoff non deve prevalere sull'obiettivo principale. Non siamo andati agli spareggi per la A, onore al merito di chi li ha conquistati. Non c'è però alcun rammarico e delusione, c'è solo dispiacere per i tifosi che fanno valutazioni diverse. Giudico, dunque, la stagione sportiva in modo positivo, chiusa con rammarico ma non con delusione".

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti