Buffon: "Juve, Allegri sa come vincere. Italia? Donnarumma super"

Le dichiarazioni dell'ex portiere bianconero: "Chiellini e Bonucci non sono sorprese, sono punti di riferimento. Verratti è un campione"
Buffon: "Juve, Allegri sa come vincere. Italia? Donnarumma super"© ANSA

PARMA - “Italia? Chiellini e Bonucci non sono sorprese, sono punti di riferimento. Ogni Nazionale che si rispetti ha bisogno dell’esperienza, della solidità e della certezza di alcuni giocatori. Detto che per me Verratti è un campione e Jorginho è un calciatore di altissimo livello, le sorprese sono state senza dubbio Chiesa e Donnarumma”. Lo ha detto Gianluigi Buffon ai microfoni di Sky Sport. L'ex portiere della Juventus ha lasciato i bianconeri per tornare al Parma.

Il Parma riaccoglie Buffon

Parma, striscione contro Buffon

Le parole di Buffon sulla Juventus

Poi, sulla Juve, ha spiegato: "Penso che la Juve, come squadra, abbia tutte le carte in regola per tornare a vincere lo scudetto. Sullo scorso anno si parla spesso di delusione nonostante la vittoria della Coppa Italia e della Supercoppa. Le aspettative però erano altre e così è rimasta addosso questa sensazione di delusione. Adesso ad Allegri chiederanno di vincere lo scudetto e nessuno come lui sa cosa serve alla Juve per risollevarsi”.

Buffon su Mancini e Donnarumma

Sulla nazionale italiana: "Dov'è che Mancini ha fatto veramente la differenza? Secondo me l'ha fatta puntando sulla conoscenza di tanti giocatori giovani che magari avevano militato nelle nazionali giovanili e non erano ancora conosciuti al grande pubblico. Inoltre con la serenità e la chiarezza di idee che ha dato da subito. Ha trasmesso serenità a un gruppo che veniva da delle delusioni cocenti. Poi ha avuto un'idea tattica, sfruttando le qualità dei ragazzi, e l'ha portata fino in fondo. Nella gestione è stato eccezionale". Poi, ancora su Donnarumma: "Secondo me può essere sicuramente da Pallone d’Oro. Per le qualità che ha e per quello che ha fatto vedere, Gigione deve puntare al Pallone d’Oro. Stai parlando con uno al quale a 18 anni avevano detto: 'Si dice che potresti essere il secondo portiere più forte della storia dopo Yashin'. Io avevo risposto: 'Ma perché il secondo dopo Yashin? Chi ha detto che non posso essere il più forte?'. Quando sei giovane l'obiettivo deve essere quello di non accontentarsi e puntare sempre al massimo. Gigio deve fare sicuramente questo".

Buffon saluta la Juve, ecco la top 11 dei suoi 'fedelissimi'
Guarda la gallery
Buffon saluta la Juve, ecco la top 11 dei suoi 'fedelissimi'

Buffon, le parole sul Parma

"Alla mia età il dubbio di essere un portiere performante o meno non ce l'ho. Ho la certezza di poter fare bene fino ai prossimi quattro o cinque anni perché mi sento bene e ho acquisito un'esperienza che non mi fa avere dubbi sulle prestazioni. I dubbi li puoi nutrire nel momento in cui non hai le motivazioni giuste o non fai la scelta che riesce a scaldarti il cuore e l'anima come dovrebbe. In quel caso, a una certa età, rischi di fare delle brutte figure. Ma questo non è quello che ho pensato quando ho scelto Parma perché secondo me Parma ha le caratteristiche giuste per poter affrontare e cercare di vincere anche quest'ultima sfida" ha dichiarato Buffon sul suo ritorno al Parma.

Buffon, le impressioni su Maresca

Poi, le prime sensazioni su Maresca: "Le prime sensazioni sono molto buone e convincenti. Io credo che ogni allenatore cerca sempre di portare le proprie idee, che spesso e volentieri sono diverse dal canonico. Ma la vera differenza è come si riesce a trasmettere queste idee e come si riesce a farle recepire alla squadra. In questo mi sembra che Maresca abbia un qualcosa di differente che fa breccia immediatamente nella testa dei giocatori e questo è determinante".

Il Tardini riaccoglie Buffon
Guarda il video
Il Tardini riaccoglie Buffon

L'esperienza in Serie B con la Juve

"Se mi ricordo il campionato in B con la Juve? Me lo ricordo e mi ricordo anche che non è stata una passeggiata di salute. Inizialmente incontrammo qualche problemino, poi nel lungo periodo siamo riusciti a consolidare una certa leadership e a quel punto anche le altre squadre ti affrontano in maniera differente. Il girone di andata sarà determinante per mostrare di che pasta siamo fatti e dove vogliamo arrivare" ha detto il portiere, ricordando l'esperienza con la Juve in Serie B.

Buffon e la prossima Serie A

Infine, Buffon si è soffermato sul prossimo campionato di Serie A, caratterizzato dal ritorno in panchina di allenatori come Mourinho, Allegri, Spalletti e Sarri: "Mi sarebbe piaciuto vedere anche Conte in questo pentolone. Sarebbe diventato un campionato esplosivo. Invece non c'è più e mi dispiace. Sarà un campionato che farà parlare di sé, in campo e anche fuori. Questo fa sì che la nostra Serie A diventi più interessante e ritorni sotto i riflettori: questi personaggi hanno un carisma talmente spiccato che non possono che far bene al nostro campionato".

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti