Kovalenko, lo Shakhtar blinda il centrocampista

E’ ucraino, ha 19 anni ed è stato premiato con la “Scarpa d’oro” al Mondiale Under 20: viene seguito anche dal Chelsea e dal Manchester United, ma Lucescu non gli farà lasciare Donetsk.
Kovalenko, lo Shakhtar blinda il centrocampista
Stefano Chioffi

ROMA - Si era già fatto conoscere durante la Youth League, la Champions riservata alle squadre giovanili. E la vetrina del Mondiale Under 20, che si è appena svolto in Nuova Zelanda ed è stato vinto dalla Serbia (2-1 in finale contro il Brasile), è servita a garantirgli altri complimenti. Viktor Kovalenko è stato premiato con la “Scarpa d’oro", ha segnato cinque gol (doppietta alla Birmania e tripletta agli Stati Uniti), è stato inserito nella Top 11 e nella lista dei baby più promettenti. Promosso dagli emissari del Chelsea e del Manchester United, tenuto sotto osservazione dai dirigenti del Barcellona, richiesto dal Liverpool. Tante offerte, ma il centrocampista è stato blindato dallo Shakhtar Donetsk. 

LA STIMA DI LUCESCU - Kovalenko continuerà a crescere nel campionato ucraino, diventerà presto un titolare nello scacchiere di Mircea Lucescu, che ha sempre dimostrato un istinto speciale nella scelta dei talenti. Kovalenko è un regista, gioca davanti alla difesa, costruisce la manovra, ma ha i tempi giusti in fase di inserimento e il passo di una mezzala, altro ruolo in cui riesce a incidere. Kovalenko è stato il capocannoniere del Mondiale Under 20: cinque gol (come l’ungherese Bence Mervò) e due assist, nonostante il viaggio dell’Ucraina si sia interrotto agli ottavi di finale con il Senegal, che si è piazzato al quarto posto, facendosi soffiare la medaglia di bronzo dal Mali. 

IL NUOVO CONTRATTO - Lucescu è un suo estimatore, ha bloccato la partenza di Kovalenko e sta già lavorando al rinnovo del contratto di questo centocampista, elegante e completo. L’impegno attuale scade il 30 giugno del 2017 e sarà prolungato fino al 2020. Kovalenko regala le geometrie di un play classico e le fiammate di una mezzala. E’ alto un metro e 82, ha diciannove anni, è nato il 14 febbraio del 1996 a Kherson e ha sfiorato in questa stagione la conquista della Youth League, persa in finale con il Chelsea (2-3). Un gol all’Athletic Bilbao, una doppietta all’Anderlecht e un’altra rete nella sfida con il club londinese, oltre a tre assist in nove presenze nel torneo europeo più prestigioso. 

LE CARATTERISTICHE - Lancio lungo, visione di gioco, tiro da fuori area: è stato uno dei gioielli del Shakhtar Under 19 allenato da Valeri Kryventsov. Ha grosse potenzialità, verrà subito aggregato a tempo pieno alla squadra di Mircea Lucescu, che lo aveva già utlizzato due volte nella scorso campionato, vinto dalla Dinamo Kiev. Ventitré minuti in campo e due assist nella gara con il Goverla, dominata dallo Shakhtar (7-3). Ha esordito nella “Prem’er-Liha” il 28 febbraio del 2015 contro il Vorskla Poltava (3-0), alla quindicesima giornata: Lucescu gli ha dato spazio negli ultimi sei minuti al posto del brasiliano Ilsinho.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti